FLC CGIL
Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

http://www.flcgil.it/@3883964
Home » Attualità » Previdenza » Manovra finanziaria 2011, ennesima modifica dei parametri di pensionamento

Manovra finanziaria 2011, ennesima modifica dei parametri di pensionamento

Tagli pesanti in campo previdenziale con una forte riduzione dei diritti per le lavoratrici e per i lavoratori dei comparti della Conoscenza.

01/08/2011
Decrease text size Increase  text size
Vai agli allegati

La manovra finanziaria approvata senza indugi dal governo per raggiungere il  pareggio di bilancio entro il 2014 e per rassicurare i mercati finanziari, peserà ancora una volta sui ceti medio bassi che dovranno subire come sempre scelte inique e socialmente ingiuste.

Il paradosso è che il tanto atteso sviluppo del Paese con questa manovra non solo non ci sarà ma rischia di allontanarsi perché anche gli Enti Locali, stremati dai tagli dovranno intervenire pesantemente nelle tasche dei lavoratori. Quelli che pagano le tasse.

I lavoratori dei nostri comparti subiranno sul piano previdenziale l'ennesima modifica dei parametri di pensionamento. Infatti, l'articolo  12 della legge 122/2010 aveva già introdotto un adeguamento automatico dei requisiti anagrafici dal 2015, per il conseguimento della pensione di anzianità e di vecchiaia in ragione dell'incremento della speranza di vita.

La legge 111/2011 lo anticipa al 2013, mentre i successivi adeguamenti avranno una cadenza triennale.

L'innalzamento riguarda tutti i lavoratori e le lavoratrici dipendenti del pubblico e del privato, con alcune differenze per quanto riguarda le finestre di uscita del comparto della scuola statale e dell'AFAM.

Le variazioni incideranno sia sulle pensioni di anzianità che di vecchiaia, tanto nel sistema retributivo che in quello contributivo.

Le tabelle in allegato riportano i requisiti per il diritto alla pensione dei lavoratori e delle lavoratrici dei comparti della Conoscenza.