FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3952803
Home » Attualità » “L’istruzione e la scienza per una nuova speranza”, il 25 settembre a Roma

“L’istruzione e la scienza per una nuova speranza”, il 25 settembre a Roma

Iniziativa pubblica della FLC CGIL che si inserisce nella settimana di mobilitazione denominata “Climate Action Week” verso lo sciopero globale del 27 settembre.

19/09/2019
Decrease text size Increase  text size
Vai agli allegati

L’istruzione e la scienza per una nuova speranza” Roma, 25 settembre 2019Mercoledì 25 settembre 2019, a partire dalle ore 10, presso la sede nazionale del CNR a Roma (P.le Aldo Moro, 7), avrà luogo un grande evento pubblico organizzato dalla FLC CGIL, dedicato interamente a una riflessione profonda sui temi della sostenibilità ambientale, del riscaldamento globale e del cambiamento climatico.

Scarica il programma

La data non è scelta a caso, ma si colloca all’interno della settimana di attivazione e mobilitazione denominata Climate Action Week” verso lo sciopero globale per il futuro di venerdì 27 settembre, al quale la nostra organizzazione aderisce. La FLC CGIL ha infatti proclamato lo sciopero in tutti i settori pubblici e privati della conoscenza per sostenere e permettere la partecipazione alle iniziative territoriali di #FridaysforFuture. Leggi la notizia e scarica i volantini 1 e 2.

Esiste una relazione stretta tra la funzione sociale della conoscenza e dell’istruzione, a tutti i livelli, col destino del pianeta e dell’umanità, al punto che abbiamo fatto nostro l’interrogativo più volte espresso da Greta Thunberg e dalle nuove generazioni sul senso del sapere dinanzi alla sfida epocale della sostenibilità ambientale.

Il 25 settembre ne discuteremo a Roma, ponendo al centro del dibattito il tema della crisi climatica ed ecologica e del ruolo del mondo della conoscenza per combatterla. Alla nostra iniziativa parteciperanno ricercatori, scienziati, docenti, filosofi e i giovani italiani dei Fridays For Future.

L’iniziativa vedrà anche il contributo del Segretario generale della CGIL, Maurizio Landini, e la partecipazione del Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Lorenzo Fioramonti.