FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3906831
Home » Attualità » Il sindacato presenta una guida per il risparmio energetico abitativo

Il sindacato presenta una guida per il risparmio energetico abitativo

Interessante iniziativa promossa dallo Spi Cgil “Risparmiare Energia conviene”. Anche la FLC CGIL aderisce.

11/11/2013
Decrease text size Increase  text size
Vai agli allegati

Con l’adesione di altre categorie lo Spi CGIL nazionale apre una interessante campagna capillare finalizzata al risparmio energetico nell’ambito abitativo. Il varo dell’iniziativa con la presentazione della guida CASA PRIMA COSA è previsto a Roma l’11 novembre 2013 dalle 9 alle 14,30 presso la CGIL nazionale a C.so d’Italia presso la sala G. Di Vittorio. Le conclusioni della tavola rotonda saranno a cura di Serena Sorrentino Segretario CGIL Nazionale e Carla Cantone Segretario Generale Nazionale Spi CGIL. Partecipa anche la FLC CGIL con il Segretario Nazionale Francesco Sinopoli e il Coordinatore di ente Enea Carlo Buttarelli.  

Lo Spi con il sostegno Cgil, Fillea, FLC, Fiom, Federconsumatori, Sunia, AeA, Auser,Si alle rinnovabili No al nucleare, intende promuovere una grande campagna d’informazione e sensibilizzazione tra i pensionati e i cittadini sul tema del risparmio energetico abitativo anche al fine di sostenere e incrementare la produzione di energie rinnovabili.

Dal 2000 al 2013 tutte le tariffe delle utenze domestiche sono aumentate complessivamente del 70%. In particolare l’aumento dei costi annuali per una famiglia media è stato di 201,612 euro pari al 64,97% per l’energia elettrica e di 414,73 2 pari al 49,93% per il gas.

Spesso i consumi energetici sono molto alti a causa delle modalità con cui sono state realizzate le abitazioni, ma anche per i progressivi aumenti, in gran parte non giustificati, frutto di un sistema energetico che risponde più alle logiche di profitto dei grandi gestori energetici che a quelle della razionalità e dell’efficienza. Sappiamo che occorre una svolta complessiva verso un nuovo modello energetico e per questo occorre investire in ricerca e nuove tecnologie anche a livello abitativo. Ma nella transizione e in una situazione in cui peggiora la condizione economica dei lavoratori e dei pensionati quella del risparmio energetico domestico è una opportunità da non sciupare, sensibilizzando su tutte le possibilità che possono portare dei benefici concreti.