FLC CGIL
http://www.flcgil.it/@3936275
Home » Attualità » Europa e Mondo » Susan Flocken nominata nuovo direttore europeo dell’ETUCE

Susan Flocken nominata nuovo direttore europeo dell’ETUCE

Dal 1 gennaio 2017 prenderà il posto di Martin Rømer alla guida del Comitato Sindacale Europeo dell’Educazione.

13/12/2016
Decrease text size Increase  text size

Education International aveva già annunciato la nomina di Susan Flocken come nuovo direttore europeo dell’ETUCE, regione europea dell’Internazionale dell’Educazione, e il Congresso dell'ETUCE appena conclusosi a Belgrado la ha ratificata. L’inizio del mandato è fissato per il 1 gennaio 2017, dopo il ritiro di Martin Rømer, l'attuale, storico, direttore.

Susan Flocken e Martin RømerSusan Flocken ha lavorato nell’ETUCE per molti anni. Secondo le nuove regole dell’ETUCE, è stata scelta dal Comitato dell’ETUCE e proposta poi al Segretario Generale EI per la nomina.

In Belgio dal 2008, ha la doppia cittadinanza tedesco-britannico. Ha continuato i suoi studi in Germania, soprattutto, ma anche studiato in Polonia, Spagna e Francia.

Negli ultimi anni, Susan ha partecipato attivamente allo sviluppo e alla promozione delle politiche dell’ETUCE in molti settori, soprattutto in materia di salute e sicurezza e sulle questioni relative alla parità. Ha collaborato con i membri del comitato direttivo e con il Bureau ETUCE, con i rappresentanti delle organizzazioni nello sviluppo delle politiche e ha spesso rappresentato l’ETUCE in diversi forum politici. Ha inoltre partecipato alle azioni di sostegno della politica dell’ETUCE con i rappresentanti  dei Governi e della Commissione europea.

Susan Flocken ha dichiarato di essere desiderosa di contribuire a promuovere la promozione della missione europea dell’ETUCE e di volere continuare a lavorare per tutte le organizzazioni aderenti.

La FLC CGIL augura a Susan Flocken un buon lavoro, in un momento difficile per le sorti della conoscenza e per i lavoratori di questo settore, assicurandole il suo supporto, fattivo e politico, nella costruzione di un’Europa migliore e sempre democratica.