FLC CGIL
Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

http://www.flcgil.it/@3816659
Home » Attualità » Europa e Mondo » Congresso del FnecFp-Fo.

Congresso del FnecFp-Fo.

Francia, luglio 1999

07/07/1999
Decrease text size Increase  text size

LUGLIO

Congresso del FnecFp-Fo. Oltre ai congressi dello Snes e del Se-Fen, di cui abbiamo già parlato in questa rubrica la fine di marzo ha visto anche lo svolgimento del congresso nazionale della Federazione dell’insegnamento, della cultura e della formazione professionale aderente alla confederazione Force Ouvrière, un sindacato che nelle ultime elezioni delle rappresentanze professionali della scuola ha ottenuto un consenso di poco superiore al 6% . Le conclusioni del congresso sono sintetizzate nello slogan "Quello che abbiamo respinto nel 1995, non l’accetteremo nel 1999". L’allusione, manco a dirlo, è soprattutto rivolta ai progetti del Ministro Allégre nel merito dei quali l’accusa è di confondere sotto lo slogan "formazione per tutta la vita" la formazione iniziale con la formazione continua e di attaccare con l’annualizzazione l’orario di lavoro settimanale dei docenti. Il congresso ha attaccato anche le spinte alla privatizzazione che vengono dall’Ocse, rivendicando la restaurazione della scuola pubblica una e indivisibile e ha rivendicato il mantenimento del computo delle pensioni a 37,8 anni contro il tentativo di portarlo a 42,5.

Elezione del direttivo nazionale dello Snes. Come abbiamo già avuto modo di dire il direttivo nazionale del principale sindacato della scuola secondaria superiore francese, lo Snes, denominato Commissione amministrativa nazionale, non viene eletto dai delegati al congresso, ma da un’elezione tra tutti gli iscritti, a cui i candidati partecipano in base a liste corrispondenti alle mozioni congressuali. Dal 10 maggio al 4 giugno si sono svolte queste elezioni che hanno visto contrapporsi le liste delle mozioni "Unité et action", rappresentante il gruppo dirigente uscente, "Ecole emancipeé" e "Pour le retour à un syndicalisme indépendant", critiche verso il gruppo dirigente. Le tre liste hanno ottenuto rispettivamente il 77,19%, il 16,38% e il 6,44%.
Sulla base di questi risultati è stata formata una segreteria generale di sei membri, tutti appartenenti alla lista maggioritaria, alla cui testa è stata riconfermata segretaria generale Monique Vuaillat. Anche gli otto segretari di categoria (agregés, certifiés, Pegc, contrattisti ecc.) sono andati tutti alla lista di maggioranza dal momento che questa si è confermata tale in tutte le categorie. Alle elezioni hanno partecipato quasi 37.000 iscritti su circa 82.000 con una flessione di circa 8.000 partecipanti rispetto alle elezioni precedenti.

Tag: francia