FLC CGIL
Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

http://www.flcgil.it/@3816577
Home » Attualità » Europa e Mondo » Che lingua straniera parlano gli inglesi?

Che lingua straniera parlano gli inglesi?

Gran Bretagna, Giugno 2000

20/06/2000
Decrease text size Increase  text size

Giugno

Che lingua straniera parlano gli inglesi? E’ un po’ come nella barzelletta: "Se i barbieri fanno la barba ai loro clienti, chi fa la barba ai barbieri?". Ovvero se la lingua straniera più studiata nel mondo è la lingua inglese, che lingua straniera studiano gli inglesi? La conclusione a cui è arrivata l’Inchiesta Nuffield, commissionata dal governo, è che nel Regno Unito le lingue straniere si studiano poco e male. Nella scuola elementare solo un quarto delle scuole gode della possibilità di avere a disposizione un insegnante per lo più madrelingua che insegna le nozioni elementari di francese, spagnolo, tedesco o italiano. Nella secondaria è obbligatorio apprendere un’altra lingua, ma solo fino a 16 anni. I corsi posteriori per l’accesso all’università sono meglio dotati su questo terreno, ma la scarsa preparazione ricevuta prima spinge la massa degli studenti ad optare per materie meno difficili.
In questa situazione coloro che escono dalle scuole inglesi rischiano di apparire meno flessibili sul mercato internazionale, e questo nel giro di dieci anni potrebbe costituire un problema per l’economia britannica. L’inchiesta quindi propone che si inizi ad insegnare la lingua straniera fin dall’età di sette anni, che un centinaio di scuole diventino bilingui e che la conoscenza di una lingua straniera diventi requisito indispensabile per l’accesso all’università. Il Ministero dell’Educazione per ora non punta a introdurre corsi obbligatori di lingua straniera nella scuola primaria, ma solo ad offrire un incentivo di 5.000 sterline ai maestri che desiderano specializzarsi, mentre chi si oppone a queste proposte è la Società per la Filosofia dell’Educazione, che ritiene inutile ed elitario questo sforzo, dal momento che, secondo una loro controinchiesta, le industrie britanniche non terrebbero molto in conto i dipendenti poliglotti.