FLC CGIL
Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

http://www.flcgil.it/@3952233
Home » Attualità » Europa e Mondo » Bangkok, VIII Congresso mondiale IE: consegnati gli Education Awards

Bangkok, VIII Congresso mondiale IE: consegnati gli Education Awards

I premi celebrano l'attività professionale del vincitore che riflette un impegno per l'eccellenza educativa e la promozione della democrazia, della giustizia sociale e dell'uguaglianza attraverso l'educazione.

26/07/2019
Decrease text size Increase  text size

Tra i temi dell'ottavo Congresso mondiale di Education International segnaliamo la tutela dei diritti umani e la valorizzazione della forza collettiva che rappresenta la professione di insegnante. Il filo conduttore della giornata è stato: "Garantire un'istruzione di qualità per tutti".

In un videomessaggio alle delegazioni, Amina Mohammed, sottosegretario generale aggiunto delle Nazioni Unite, ha dato il benvenuto agli insegnanti, ribadendo il suo pieno sostegno, a loro e ai sindacati che li rappresentano. "Conosciamo i fondamenti dell'educazione di qualità: insegnanti di qualità che si assumono la responsabilità di garantire che l'istruzione sia una priorità", ha affermato Amina Mohammed, ribadendo che il settore della conoscenza è stato determinante nel promuovere il programma degli obiettivi di sviluppo sostenibile 2030. "Grazie per aver lavorato per un'istruzione di qualità", ha aggiunto.

Da segnalare, inoltre, la significativa cerimonia degli Education Awards, che ha onorato due eccezionali attivisti: Curtis Riep ha ricevuto l'Albert Shanker Education Award e Jalila al Salman ha ricevuto il Mary Hatwood Futrell Human and Trade Union Rights Award.

Durante ogni congresso mondiale, EI sceglie due attivisti dell'educazione come destinatari di questi premi in riconoscimento del loro eccezionale contributo. I premi celebrano l'attività professionale del vincitore che riflette un impegno per l'eccellenza educativa e la promozione della democrazia, della giustizia sociale e dell'uguaglianza attraverso l'educazione.

Jalila Al-Salman vince il premio Mary Hatwood Futrell Human and Trade Union Rights Award

VIII Congresso IE 10-2Jalila Al Salman, insegnante e attivista in difesa dei diritti sindacali degli insegnanti in Bahrein, ha lavorato per promuovere la democrazia e l'uguaglianza nonostante le ripetute pressioni e intimidazioni da parte del governo del Bahrein. È stata imprigionata e torturata da parte delle autorità. Tuttavia ha rifiutato di essere messa a tacere, continuando a lottare per i diritti degli insegnanti in Bahrein, per la libertà di organizzarsi senza interferenze politiche. Allo stesso tempo, ha guidato la Bahrain Teachers Association. È una fervente attivista per i diritti delle ragazze in Bahrain e in Medio Oriente. Nel suo discorso di accettazione, Al Salman ha parlato della sua esperienza, dicendo: “Per ogni vincitore del premio, c'è una storia dietro il premio. C'è qualcuno, alcuni eventi o sfide che li mettono in prima linea per scelta o per forza. Nel mio caso, la storia del Bahrein è stata la ragione, il motivo e la forza trainante; tutto quello che è successo a me e ai miei colleghi mi ha spinto in prima linea e ho preso posizione. Per me, è ovvio che questo premio non sarebbe stato assegnato se i miei colleghi, i miei studenti e la mia gente non avessero sofferto. Se non mi avessero guardato come una fonte di speranza per cambiare, non sarei qui oggi.".

Curtis Riep riceve l'Albert Shanker Education Award

Riep, che è un dottorando e assistant presso l'Università di Alberta, in Canada, ha contribuito a promuovere un'istruzione pubblica di qualità VIII Congresso IE 11-2attraverso la sua ricerca innovativa che evidenzia la crescente privatizzazione dell'istruzione in diversi paesi africani e asiatici. Nel 2016 Riep ha condotto ricerche sul campo che hanno fornito le prove all'UNATU, affiliata EI, per convincere il governo ugandese ad agire contro Bridge International Academies (una multinazionale scolastica a scopo di lucro che opera illegalmente in Uganda). Dopo aver accettato il premio, Riep ha dichiarato: “I rischi associati alla diffusione della commercializzazione e della privatizzazione nell'istruzione non sono eventi isolati che incidono solo su alcune parti del mondo. È un fenomeno globale. E sebbene le minacce, le sfide e le problematiche affrontate in Uganda, nelle Filippine e nel Ghana siano diverse dagli Stati Uniti, l’Australia o il Canada, per esempio, ciò che è in gioco è lo stesso in tutto il mondo: un sistema di istruzione pubblica che funziona per le persone, piuttosto che per le élite in cerca di profitto, o l'1%. Abbiamo bisogno di un sistema educativo per il 99% della popolazione".

Per quanto riguarda l'attività principale del Congresso, le delegazioni hanno difeso le risoluzioni a sostegno degli obiettivi di sviluppo sociale, dell’istruzione di alta qualità per la prima infanzia, delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione, della cittadinanza globale, nonché quelle relative alla commercializzazione e alla privatizzazione dell'istruzione.

Infine, il Congresso si è impegnato a difendere i diritti dei bambini migranti nell'accesso all'istruzione e ha adottato una risoluzione che condanna il presidente Donald Trump e i suoi attacchi nei confronti delle donne elette al Congresso degli Stati Uniti, nonché una risoluzione per contestare lo smantellamento sistematico del sistema pubblico di istruzione in Brasile.