FLC CGIL
http://www.flcgil.it/@3930731
Home » Attualità » 21 marzo, World Down Sindrome Day

21 marzo, World Down Sindrome Day

Giunta all’11°edizione anche quest’anno la giornata mondiale delle persone con sindrome di Down viene celebrata in tutto il mondo.

21/03/2016
Decrease text size Increase text size

Il 21 marzo ricorre, ormai da undici anni, la giornata mondiale delle persone con sindrome di Down. Una decisione, quella presa nel 2011 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, per sensibilizzare l’opinione pubblica e creare una nuova cultura della diversità e per promuovere, soprattutto, il rispetto e l’integrazione nella società di tutte le persone con sindrome di Down.

Come ogni anno tante le iniziative organizzate in tutto il mondo. Il tema di quest’anno sarà  I miei amici, la mia comunità – I vantaggi di ambienti inclusivi per i bambini di oggi e gli adulti di domani, un momento per riflettere su quanto sia importante per i bambini affetti da questa sindrome vivere in un ambiente favorevole e amichevole, in cui si sentono accettati e rispettati. Un tema lanciato anche sui social con l’hashtag #MyFriendsMyCommunity.  A questo link l’elenco in aggiornamento di tutte le iniziative.

Il tema è stato accolto e coniugato, anche quest’anno, in diversi modi. Il CoorDown (Coordinamento Nazionale Associazioni delle Persone con Sindrome di Down), dopo il successo ottenuto l’anno scorso ha deciso di celebrare l’evento attraverso una nuova campagna di sensibilizzazione internazionale realizzando il breve filmHow Do You See Me” (“Tu come mi vedi?”), in cui la protagonista, AnnaRose, una giovane ragazza con sindrome di Down, racconta la propria vita piena di significato, ricca di opportunità, di amicizie e di affetto, ma anche di sfide e momenti di difficoltà. Quella stessa vita è rappresentata sullo schermo da Olivia Wilde, all’insegna di una metafora che intende stimolare la riflessione su come le persone con sindrome di Down vedano se stesse e su come siano spesso vittime di discriminazioni basate su preconcetti e aspettative stereotipate.