FLC CGIL
Inchiesta nazionale sul lavoro promossa dalla CGIL

http://www.flcgil.it/@3964343
Home » Scuola » Mobilità scuola 2022-2025: la FLC CGIL diffida l’amministrazione per riaprire la trattativa

Mobilità scuola 2022-2025: la FLC CGIL diffida l’amministrazione per riaprire la trattativa

Insieme alla UIL scuola, la FLC CGIL annuncia un articolo 28 L. 300/70 per riaprire la trattativa sul CCNI della mobilità, firmato solo da una sigla sindacale che peggiora i diritti di tutti e non rimuove i vincoli.

23/02/2022
Decrease text size Increase  text size
Vai agli allegati

La netta chiusura del Ministero alla richiesta delle organizzazioni sindacali del comparto scuola di proseguire il negoziato sulla mobilità del personale scolastico determina l’avvio di un percorso legale.

GUARDA IL VIDEO

Le azioni promosse dalla FLC CGIL e dalla Uil Scuola sono tese a far dichiarare in sede giurisdizionale il comportamento antisindacale del dicastero di viale Trastevere ex art.28 dello Statuto dei Lavoratori, e le altre a difesa dei diritti lesi delle lavoratrici e dei lavoratori, mirano a far riprendere la trattativa per il rinnovo del CCNI scaduto, la cui validità si estende al triennio 2022-2025.

Le azioni messe in campo non impediranno al personale della scuola di fare domanda di mobilità, ma cercheranno di recuperare lo spazio di confronto, che l'amministrazione con l'aiuto di un'altra sigla sindacale ha impedito.

Inammissibile conferire validità ad un contratto che vede la sottoscrizione di un’unica sigla sindacale, ben al di sotto della soglia minima (50%+1) della rappresentatività che regola le dinamiche contrattuali, senza, peraltro, aver avviato una vera trattativa. Aperta nel corso della fase di conflitto con l’Amministrazione scolastica (stato di agitazione) che, poi, ha portato agli scioperi Confederali e di Categoria del 10 e del 16 dicembre, non ha mai vissuto un’autentica fase di confronto per recepire le più che legittime aspettative del personale.

Nel merito, il testo proposto nega apertamente al personale scolastico la possibilità di potersi trasferire nelle sedi più favorevoli nel tempo, riproponendo la logica del blocchi/vincoli (triennali) che, proprio, attraverso la contrattazione nazionale si sarebbe dovuta superare, anzi li formalizza addirittura nel contratto integrativo.

Impossibile per le organizzazioni sindacali sottoscrittrici del ricorso firmare un contratto in pejus che deprime la condizione dei lavoratori della scuola, i quali dopo aver raggiunto la tanto agognata stabilità si vedrebbero impossibilitati a migliorare la propria condizione di vita soggettiva e familiare. Il precedente CCNI non poneva vincoli alla mobilità. 

Riavviare il confronto, rispristinando un clima di agibilità democratica all’interno del mondo della scuola, è l’obiettivo primario che ispira l’azione sindacale, perseguendo anche tra i vari obiettivi quello di recuperare le norme del contratto precedente che danno le risposte utili al personale della scuola. FLC CGIL e UIL SCUOLA proseguiranno la loro azione di stimolo alla politica al fine di ottenere quegli interventi normativi (emendamenti) che possano permettere nell’immediato un buon esito della contrattazione sulla mobilità annuale.

Servizi e comunicazioni

Rivista mensile Edizioni Conoscenza
Rivista Articolo 33
Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Ora e sempre esperienza!
Scuola: principali approfondimenti
Mobilità scuola 2018/2019
Testo Unico su salute e sicurezza integrato e aggiornato
Filo diretto sul contratto
Le funzioni nel consiglio di classe
Ricostruzione di carriera
Come si convocano i supplenti
Link utili
Logo MIUR
Logo MEF
Logo NOIPA
Logo INPS
Logo Fondo ESPERO
Logo EBINFOP
Seguici su facebook