FLC CGIL
http://www.flcgil.it/@3817163
Home » Scuola » I nuovi piani di studio per la scuola media

I nuovi piani di studio per la scuola media

Procedendo rapidamente a dare esecuzione pratica alla legge di riforma della scuola, il MIUR ha emesso, alla vigilia di Natale, le “Indicazioni nazionali per i piani di studio personalizzati nella scuola secondaria di 1° grado".

31/12/2002
Decrease text size Increase  text size

Procedendo rapidamente a dare esecuzione pratica alla legge di riforma della scuola, il MIUR ha emesso, alla vigilia di Natale, le “ Indicazioni nazionali per i piani di studio personalizzati nella scuola secondaria di 1° grado

Esse esplicitano i livelli essenziali di prestazioni a cui dovranno attenersi tutte le scuole secondarie di 1° grado del sistema nazionale di istruzione.

Da una prima lettura evidenziamo:

  • il carattere di “rottura” epistemologica della scuola media nei confronti della scuola elementare, per sottolinearne invece il carattere di scuola secondaria che dispiega poi “le sue potenzialità nell’istruzione e nella formazione del secondo ciclo”;

  • il richiamo reiterato alla partecipazione della famiglia alle scelte educative operate dalla scuola, richiamo che si estende agli enti locali, alla comunità religiosa (!), al volontariato che dovrebbero anch’essi condividere gli obiettivi educativi e le scelte fatte per attuarli, Una rete di controllo molto estesa e uno strano concetto di apertura della scuola alla società;

  • una relazione educativa descritta come necessità di “prendersi cura l’uno dell’altro come persone, l’altro ci sta a cuore e si sente che il suo bene è in fondo anche la realizzazione del nostro” Abbiamo un concetto diverso di professionalità docente, che va al di là di questa predisposizione dell’animo;

  • un complicato portfolio di competenze, a cui contribuisce anche la famiglia, compilato dal docente coordinatore-tutor, anticipazione di figura professionale nuova che pone molti problemi di natura professionale e sindacale

  • infine un’organizzazione scolastica che si caratterizzerà per un’offerta formativa differenziata fra obbligatoria e aggiuntiva dove la quota di minimo obbligatorio di 825 ore annue potrà essere costituito da una somma variabile fra obbligatorio e aggiuntivo secondo un progetto formulato dal docente tutor, i docenti e la famiglia stessa!

Roma, 31 dicembre 2002

Servizi e comunicazioni

Scuola bene comune
Manifesto per la scuola aperta a tutti e a tutte
Verso il rinnovo del contratto
Verso il rinnovo del contratto
Ora e sempre esperienza!
Scuola: principali approfondimenti
Mobilità scuola 2017/2018
Cantiere scuola FLC CGIL: le nostre proposte
Linee guida contrattazione
Le funzioni nel consiglio di classe
Ricostruzione di carriera
Come si convocano i supplenti
Link utili
Logo MIUR
Logo MEF
Logo NOIPA
Logo INPS
Logo Fondo ESPERO
Logo EBINFOP
Seguici su facebook