FLC CGIL
Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

http://www.flcgil.it/@3760421
Home » Scuola » Decreto secondo ciclo: testo pubblicato in G.U.

Decreto secondo ciclo: testo pubblicato in G.U.

Commento articolo per articolo

09/11/2005
Decrease text size Increase  text size
Vai agli allegati

Pubblichiamo il testo del decreto legislativo n. 226 del 17 ottobre 2005, sul secondo ciclo di istruzione e formazione, pubblicato sulla GU n. 257 del 4.11.2005 - Suppl. Ordinario n.175, in vigore dal 19.11.2005, la cui applicazione decorre dall’anno scolastico 2007/2008.

Pubblichiamo inoltre lo stesso testo con l’analisi ed i nostri commenti articolo per articolo.

Del decreto rileviamo in particolare che:

  • la Conferenza Unificata ha dato solo un parere e non c’è stata l’Intesa, diversamente da quanto previsto dall’art.1 punto 2 della legge 53/03;

  • visto che la delega scadeva il 17 ottobre, le Commissioni parlamentari hanno avuto a disposizione solo 22 giorni per esprimere il parere, contro i 60 previsti dalla stessa legge, In tal modo il Parlamento ha esaminato solo il testo del decreto e non gli allegati, diversamente da quanto previsto dalla stessa legge 53/03;

  • si introduce per la prima volta la partecipazione delle associazioni imprenditoriali nella gestione e nel coordinamento delle attività realizzate nei campus;

  • si conferma l’inserimento della religione cattolica o delle attività alternative tra le materie obbligatorie per tutti, con la conseguenza che la loro non frequenza, (scelta facoltativa) diventa assenza. In tal modo si penalizzano quegli studenti che, non optando per nessuna delle due scelte, rischiano di superare il limite massimo di assenza consentito (25% del monte ore complessivo) che per il nuovo ordinamento comporta la bocciatura automatica;

  • è stato abrogato l’obbligo formativo fino a 18 anni, sostituito con il diritto dovere, il quale, però termina a 17 anni;

  • è stata abrogata la norma sulla liberalizzazione degli accessi all’Università: si riscrivono in silenzio i diritti di accesso e si cancella una conquista storica del movimento studentesco, producendo fra l’altro un vuoto legislativo perché non si definisce come si accede alle diverse facoltà universitarie dai nuovi percorsi liceali, tranne che per il liceo classico, di cui si garantisce l’accesso a qualsiasi facoltà universitaria.

Roma, 9 novembre 2005

Allegati

Servizi e comunicazioni

Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Ora e sempre esperienza!
Scuola: principali approfondimenti
Mobilità scuola 2018/2019
Testo Unico su salute e sicurezza integrato e aggiornato
Filo diretto sul contratto
Le funzioni nel consiglio di classe
Ricostruzione di carriera
Come si convocano i supplenti
Link utili
Logo MIUR
Logo MEF
Logo NOIPA
Logo INPS
Logo Fondo ESPERO
Logo EBINFOP
Seguici su facebook