FLC CGIL
Emergenza Coronavirus: notizie e provvedimenti
http://www.flcgil.it/@3760859
Home » Scuola » Contratti della scuola privata: tutti in scadenza il 31 dicembre 2005

Contratti della scuola privata: tutti in scadenza il 31 dicembre 2005

I Sindacati inviano la disdetta alle associazioni padronali

20/09/2005
Decrease text size Increase  text size
Vai agli allegati

La FLC Cgil, la CISL Scuola, la UIL Scuola e lo SNALS Confsal - lettere del 13 settembre u.s a firma dei segretari generali - hanno inviato, ai sensi di quanto previsto dai rispettivi articoli contrattuali, alle associazioni datoriali e padronali di AGIDAE, ANINSEI e FISM formale disdetta dei contratti collettivi nazionali di lavoro, tutti in scadenza il 31 dicembre 2005.

Con la disdetta formale dei contratti si apre la vertenza per il loro rinnovo. La stagione contrattuale che ci accingiamo ad intraprendere, che formalmente inizierà il 1 gennaio 2006, è riferita al rinnovo sia della parte normativa (quadriennale) 2006-2009 sia alla parte economica (biennale) 2006-2007.

Le organizzazioni sindacali sono impegnate nello scorcio di tempo che passa da oggi al 31 dicembre p.v. nella costruzione con i lavoratori delle relative piattaforme rivendicative da sottoporre, successivamente, al confronto negoziale con le controparti padronali, laiche e religiose.
La vertenza interessa oltre centomila lavoratori, tra direttivi, docenti e non ata – in forza nelle scuole private, laiche e religiose, curriculari ed extracurriculari di ogni ordine e grado.

Roma, 20 settembre 2005

Servizi e comunicazioni

Il CAAF CGIL ti è vicino
Il CAAF CGIL ti è vicino
Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Ora e sempre esperienza!
Scuola: principali approfondimenti
Mobilità scuola 2018/2019
Testo Unico su salute e sicurezza integrato e aggiornato
Filo diretto sul contratto
Le funzioni nel consiglio di classe
Ricostruzione di carriera
Come si convocano i supplenti
Link utili
Logo MIUR
Logo MEF
Logo NOIPA
Logo INPS
Logo Fondo ESPERO
Logo EBINFOP
Seguici su facebook