FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3898178
Home » Scuola » Appello ai ministri Grilli e Profumo per la restituzione dei residui attivi alle istituzioni scolastiche

Appello ai ministri Grilli e Profumo per la restituzione dei residui attivi alle istituzioni scolastiche

Si continuano a fare monitoraggi. Altri se ne sono fatti. Ora basta! Appello dei Presidenti dei Consigli di Istituto, RSU, Dirigenti, Direttori perché vengano restituiti i fondi alle scuole.

03/12/2012
Decrease text size Increase  text size

Nella giornata del 28 novembre 2012 a Firenze, nell’Aula Magna del ITIS Leonardo Da Vinci, nel corso del Seminario organizzato dalla FLC CGIL su “Programmare le risorse finanziarie in tempi di revisione della spesa pubblica”, è stato lanciato un appello al Ministro dell’Economia e Finanze, Vittorio Grilli,  e dell’Istruzione, Francesco Profumo, per la restituzione dei crediti che vantano le scuole dal 2006 cumulati come residui attivi dalle singole scuole.

Essi sono frutto degli anticipi di cassa effettuati dalle Istituzioni scolastiche per far fronte al pagamento delle supplenze (non finanziate per lungo tempo dal Ministero), dei compensi degli esami di stato e revisori, della tassa ambientale, attingendo al fondo d’istituto e al contributo delle famiglie. Perciò devono essere restituiti.

Con tali fondi le scuole potranno migliorare l’offerta formativa a fronte dei mancati finanziamenti da parte del Governo.

Chiediamo che l’appello che pubblichiamo venga firmato - e inviato - dai Presidenti del Consiglio d’istituto, dalle Rappresentanze Sindacali Unitarie, dai Dirigenti Scolastici e dai Direttori dei servizi Generali e Amministrativi.

Per la riuscita dell’iniziativa chiediamo che l’appello  firmato sia indirizzato al Capo Gabinetto del Ministro Grilli (segreteria.capogabinetto@tesoro.it) , al Capo Gabinetto del Ministro Profumo (segreteria.cdg@istruzione.it) e alla Segreteria FLC CGIL (organizzazione@flcgil.it).

___________________________

 Roma, 3 dicembre 2012

Al Ministro dell'Istruzione, Università e Ricerca
Prof. Francesco Profumo

Al Ministro dell'Economia e della Finanze
Prof. Vittorio Grilli

Oggetto: Appello, Sanare la questione dei residui attivi delle scuole

Signori Ministri,
con il presente documento, noi Presidenti dei Consigli di Istituto, Dirigenti Scolastici, Direttori dei Servizi Generali e Amministrativi, Rappresentanze Sindacali Unitarie,  facciamo appello alla Vostra sapienza di amministratori e di gestori avveduti della cosa pubblica affinché risolviate l’annoso problema dei cosiddetti residui attivi dei bilanci delle Istituzioni Scolastiche Autonome (ISA).

Questo il fatto.

Da più di sette anni, da un esercizio finanziario all’altro, si registra, nelle casse delle ISA, tale fenomeno, che non è solo contabile, che in termini monetari ammonta complessivamente a oltre un miliardo di euro.

Perché le scuole, nella loro stragrande maggioranza, vantano questo enorme credito nei confronti dell’Amministrazione centrale?

Perché esse, a partire dal 2006, non hanno ricevuto dal MIUR l’intero ristoro delle spese obbligatorie: supplenze, compensi esami di stato e revisori, tassa ambientale.

Le scuole, per senso di responsabilità e per una ordinaria applicazione delle norme, hanno utilizzato sovente, dietro consiglio degli stessi Uffici ministeriali, il Fondo dell’Istituzione Scolastica (FIS) di derivazione contrattuale  o i contributi delle famiglie per pagare gli stipendi dei supplenti.

Ricordiamo che proprio la generosità delle famiglie ha consentito alle scuole di affrontare spese indispensabili per il loro funzionamento (materiali di pulizia, cancelleria, sicurezza, registri, funzionamento didattico, ecc).

Infatti la nostra scuola ha subito, in anni terribili che sembrano non passare mai, non solo i tagli al personale e a numerose provvidenze che costituivano il minimo indispensabile per una qualificata offerta formativa, ma anche il non finanziamento delle supplenze. Negli anni 2009 e il 2010 le scuole non hanno ricevuto neanche ciò che la legge stabiliva, cioè l’ordinario finanziamento per il  funzionamento amministrativo e didattico.

Le ISA, messe alle strette, di fronte anche alla chiamata in giudizio che si risolveva in maniera sempre negativa per l’Amministrazione, hanno fatto ricorso, come già detto o al FIS o ai contributi delle famiglie.

Il risultato è stato però che si sono bloccati i progetti e gli investimenti né è stato possibile retribuire  con il FIS le attività prestate dal personale.

Dirigenti Scolastici e DSGA sono stati obbligati a nominare e pagare con i fondi disponibili in cassa i supplenti: in primo luogo perché la legge che prevede la nomina di un supplente in assenza del titolare al fine di garantire il diritto allo studio e la stessa incolumità degli allievi; in secondo luogo per una ragione di equità al fine remunerare il lavoro prestato ed evitare all’amministrazione la soccombenza certa in sede giudiziaria; in terzo luogo per non creare disservizio all’organizzazione scolastica costretta talora a dividere gli alunni delle classi scoperte fra tutte le altre classi.

Nel frattempo sono state fatte diverse rilevazioni dalle scuole su richiesta del MIUR e del MEF, ma gli esiti e le finalità di queste indagini non sono state mai portate a trasparenza.

Adesso questi crediti rischiano di andare perduti.

Ci rivolgiamo alle SS.VV. affinché sia reso noto il risultato di un monitoraggio sui residui che dovrebbe ormai essersi  concluso, e finalmente si restituisca, in tempi brevi e certi,  alle scuole quanto esse, senza che questo si trasformi in un danno permanente contro esse stesse.

Servizi e comunicazioni

IV Congresso nazionale FLC CGIL
IV Congresso nazionale FLC CGIL
Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Ora e sempre esperienza!
Scuola: principali approfondimenti
Mobilità scuola 2018/2019
Testo Unico su salute e sicurezza integrato e aggiornato
Filo diretto sul contratto
Le funzioni nel consiglio di classe
Ricostruzione di carriera
Come si convocano i supplenti
Link utili
Logo MIUR
Logo MEF
Logo NOIPA
Logo INPS
Logo Fondo ESPERO
Logo EBINFOP
Seguici su facebook