FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3928201
Home » Ricerca » INAIL Ricerca: negativo il giudizio della FLC CGIL dopo l'incontro con l’Amministrazione

INAIL Ricerca: negativo il giudizio della FLC CGIL dopo l'incontro con l’Amministrazione

Nel corso dell'incontro si è discusso anche di Salario Accessorio 2015 e BSA.

04/12/2015
Decrease text size Increase  text size

Negativo il giudizio della FLC CGIL rispetto alla volontà dell'Amministrazione di non applicare l'Accordo 2011. La FLC CGIL risponderà anche con iniziative legali ad una situazione di immobilismo e di arretramento che giudichiamo grave e lesiva dei diritti dei lavoratori, oltre che grave sul piano delle relazioni sindacali.

In attesa dell’esito dell’iter normativo dell'emendamento per i precari della ricerca nella Legge di Stabilità, prendiamo atto che l'Amministrazione intende procedere con l'applicazione dell'emendamento e che è disponibile al confronto con le OOSS,  non appena  l’iter normativo sarà concluso.  Nel corso dell'incontro è stata data lettura della nota inviata dal Coordinamento Precari dell'INAIL.

Nel corso dell'incontro si è discusso anche di Salario Accessorio 2015 e BSA. Ci si è aggiornati alle prossime riunioni previste per il 14 e 15 dicembre.

____________

Alle OO.SS rappresentative del Settore Ricerca

FIR CISL
FLC CGIL
ANPRI
UIL RUA
USI RICERCA


Oggetto: Resoconto riunione Gruppo Precari 1 e 2 dicembre 2015 – sedi di Monteporzio - via Gradi - Lamezia Terme – Genova – Parma.

Il Gruppo Precari Inail riunito in assemblea nella sedi in oggetto prende atto degli sviluppi positivi relativi all’iter di approvazione dell’emendamento alla legge di stabilità, che prevede la trasformazione dei contratti Co. Co. Co. in Tempi Determinati e ringrazia per l’impegno chi si sta adoperando per il raggiungimento di tale obiettivo.

Il Gruppo Precari auspica che, a legge di stabilità approvata, venga attuata nel più breve tempo possibile la trasformazione di tutti i Co. Co. Co. in contratti a Tempo Determinato Full Time, della durata massima consentita dalla normativa vigente.

Il Gruppo Precari auspica, inoltre, che l’attivazione dei nuovi bandi di concorso a tempo Indeterminato previsti nel Piano di Fabbisogno, sia successiva all’avvenuta trasformazione di tutti i Co. Co. Co. in Tempi Determinato al fine di assicurare tutte le riserve e tutele previste dalla normativa vigente per i precari in essere, come già avvenuto in altri Enti.

Gruppo Precari Inail

_______________

Scontenti e insoddisfatti per l’incontro con l’INAIL

Negativo il giudizio della FLC CGIL rispetto alla volontà dell'Amministrazione di non applicare l'Accordo 2011 nonostante tutte le dichiarazioni e gli interventi nei confronti della Funzione Pubblica che negli ultimi mesi Sindacato e Amministrazione hanno portato avanti nell’intento di applicare l’accordo 2011 superando i rilievi avanzati sull'applicazione dell'art. 15 e gli scorrimenti delle graduatorie previste.

Il motivo addotto dall’Amministrazione per non applicare l'Accordo si basa sulla esistenza di Sentenze del Consiglio di Stato di luglio 2015, che vieterebbero lo scorrimento di graduatorie determinate da selezioni interne ed applicherebbero l’art. 15 come procedura concorsuale pubblica nazionale. Questo sta a significare che l’Amm.ne, così come ha dichiarato, andrà a “rimodulare” il Piano diminuendo i posti in pianta organica da destinare ai concorsi per i precari: posti già oggi non sufficienti a coprire l’attuale mole di precariato.

Prendiamo atto della mancata volontà da parte dell’Amministrazione di applicare un Accordo sottoscritto da tutte le OO.SS. e attendiamo la documentazione ufficiale dell’Amministrazione per rispondere anche con iniziative legali ad una situazione di immobilismo e di arretramento che giudichiamo grave e lesiva dei diritti dei lavoratori, oltre che grave sul piano delle relazioni sindacali.

Sul tema del precariato, in attesa dell’esito dell’iter normativo dell'Emendamento per i precari della ricerca nella Legge di Stabilità, prendiamo atto che l'Amm.ne intende procedere con l'applicazione dell'Emendamento e che è disponibile al confronto con le OOSS, non appena  l’iter normativo sarà concluso.  Nel merito  l'Amm.ne ha posto due questioni:

  1. la verifica di idoneità
  2. La spesa che andrà sostenuta per la trasformazione dei Tempi Determinati

La FLC CGIL ha ribadito che la trasformazione immediata di tutti i co.co.co. in T.D. rappresenta la priorità  e dovrà avvenire attraverso l'attivazione di un tavolo tecnico con le rappresentanze dei lavoratori,  per affrontare il tema della  "verifica di idoneità" e delle risorse da destinare in riferimento al comma 188 e quindi non del Bilancio ordinario. Risorse che siamo certi non siano oggi un problema per l'INAIL.

Tra l'altro la trasformazione a T.D. è fondamentale che avvenga prima dell'attivazione dei Concorsi Pubblici Nazionali previsti dal Piano,  perché  vorremmo tentare di fare in modo che i T.D. dell'INAIL possano usufruire anche della riserva del 50% prevista attualmente per i TD dalla Legge 125/2013. Come CGIL stiamo infatti lavorando per inserire nella Legge Madia (legge delega ricerca) la possibilità di far valere i 3 anni di anzianità anche gli anni svolti con diverse tipologie contrattuali.

Riteniamo comunque che, oltre l’intervento con la Riforma Madia, ci possano essere le condizioni per lavorare su un’interpretazione della riserva del 50% anche a fronte di continuità contrattuale pluriennale antecedente la trasformazione a TD.

Per l'occasione come FLC CGIL metteremo in piedi in INAIL uno "sportello consulenza precariato" che sarà di aiuto e di supporto a tutto il personale precario che dovrà nei prossimi mesi districarsi nelle varie procedure concorsuali con  la compilazione di schede, di domande, ecc.  con l'intento di mettere a disposizione la nostra esperienza e le nostre risorse per le persone che in questo momento sono meno tutelate. Il supporto sarà fornito anche per affrontare le criticità presente tra una parte del personale precario per quanto riguarda la coerenza tra la forma contrattuale in essere e l’attività svolta. 

Al termine dell’incontro abbiamo dato lettura della nota inviata dal Gruppo precari, tra l’altro in linea con le posizioni espresse da questa O.S., perché, come già dimostrato, riteniamo in questa delicata fase un valore aggiunto far emergere, oltre le posizioni specifiche delle diverse OOSS, l’espressione diretta dei lavoratori precari di questo Ente in vista delle tante scelte che l’INAIL nei prossimi mesi dovrà effettuare.

Sul salario accessorio 2015 a fronte della proposta di utilizzo del fondo che ci è stata consegnata, come CGIL,  abbiamo chiesto l’elaborazione di una tabella più esaustiva rispetto al pro-quota e al numero degli aventi diritto le varie voci (indennità, straordinari, lavoro in turni, ecc.) e avanzato le seguenti proposte:

  1. l'aumento dell'indennità di ente mensile: per la prima volta dal 2010 la Legge ci consente di poter aumentare gli importi stipendiali bloccati da anni, aumentando una voce che è “fissa e ricorrente” e quindi liquidabile e pensionabile. A questa nostra richiesta hanno concordato anche le altre OOSS seppure evidenziando problematiche di carattere “autorizzatorio” in difesa degli organi vigilanti e dell’Amm.ne a tutti i costi, non facendo nemmeno gli interessi dei lavoratori.
  2. L'inserimento della quota di risorse da destinare all'art. 53 decorrenza 2015, dato che era stata indicata solo quella per l'art. 54, decorrenza 2015; a questo proposito siamo stati informati che, entro il mese di febbraio 2016, verranno corrisposti gli arretrati per quanto riguarda la procedura art 54 decorrenza 2010.
  3. Riduzione della quota  di produttività a favore dell'aumento dell'indennità mensile:  dato che le risorse accantonate per questa voce sono 1/3 rispetto a quelle destinate alle indennità di ente/mensile, abbiamo proposto di aumentare l’indennità mensile per tutto il personale e di rivedere, per il 2016, i criteri coi quali viene ridistribuita.
  4. La possibilità di ridiscutere i criteri di assegnazione degli straordinari

A fronte delle diverse proposte avanzate al tavolo l’Amm.ne si è impegnata ad effettuare le opportune valutazioni sia rispetto la capienza dei fondi che l’iter autorizzativo previsto per gli accordi e alla prossima riunione tecnica avremo modo di capire le scelte che andremo a fare. La prossima riunione tecnica è prevista per il 14 dicembre p.v. alle ore 10.

Infine, sui Benefici Socio Assistenziali abbiamo valutato sostanzialmente il buono lavoro fatto congiuntamente all'Amm.ne che, nel testo proposto ha accolto alcune delle osservazioni unitarie presentate, si è convenuto di aumentare al 30% l’acconto per il contributo allo studio e una leggera rimodulazione degli scaglioni delle fasce ISEE.

Nel corso dell’incontro la FLC CGIL ha consegnato al Direttore G.Mazzetti la lettera sul percorso formativo CONTARP finalizzata a sollecitare un maggiore coordinamento con le Direzioni Regionali e a chiarire alcune criticità.

Nei prossimi giorni la FLC CGIL convocherà assemblee nei luoghi di lavoro per valutare e condividere le prossime iniziative da mettere in campo con tutto il personale del Settore Inail Ricerca strutturato e non.

4 dicembre 2015

Altre notizie da: