FLC CGIL
http://www.flcgil.it/@3878242
Home » Ricerca » CNR, sottoscritti due accordi integrativi

CNR, sottoscritti due accordi integrativi

Gli accordi riguardano: rideterminazione dei criteri e delle modalità per l'attribuzione dell'indennità di responsabilità per gli anni 2009-2010 al personale tecnico e amministrativo"; incremento nominale del buono pasto a 8 euro.

31/12/2010
Decrease text size Increase  text size
Vai agli allegati

Il 29 dicembre 2010 l'Amministrazione ha convocato le Organizzazioni sindacali per la sottoscrizione definitiva di due accordi.

Intesa sulla rideterminazione di criteri e modalità di attribuzione dell'indennità di responsabilità anni 2009-2010 - Attuazione di quanto previsto dall'art. 12 del CCNL Integrativo "stralcio" "Fondo per il finanziamento del trattamento economico accessorio livelli IV-IX" sottoscritto il 2 luglio 2008

La FLC CGIL ha sottoscritto in via definitiva l'intesa siglata insieme alla UIL RUA il 30 luglio 2010 riguardante la rideterminazione dei criteri e le modalità di attribuzione dell'indennità di responsabilità, per il personale tecnico e amministrativo dei livelli IV-VIII, il cui importo complessivo annuo ammonta a € 400.000,00, per gli anni 2009 e 2010, mentre per il 2008 restano in vigore i criteri e le modalità precedentemente applicati negli anni 2003-2007.

Evidenziamo alcune peculiarità dell'accordo sottoscritto (in allegato) che riguardano alcune tipologie di responsabilità per le quali è stato individuato un importo fisso, che sarà erogato mensilmente per tutta la durata dell'incarico, mentre le indennità correlate alle categorie descritte nella tabella saranno erogate in un importo unico annuo. Al fine di rispondere alle osservazioni del Dipartimento della Funzione Pubblica sono state orientativamente previste le unità di personale che dovrebbero usufruirne.

Contratto Collettivo Integrativo "stralcio" su: "Incremento del valore unitario nominale del buono pasto"

È stato sottoscritto l'accordo in via definitiva siglato il 2 novembre 2010 sull'incremento del valore nominale del buono pasto a 8 euro partire dal 1 dicembre 2010 per tutto il personale dipendente avente diritto. Evidenziamo che la quota superiore ai 5,29 euro (pari a 2,71 euro) concorre a formare il reddito da lavoro dipendente e pertanto comporterà la tassazione in busta paga.

Informiamo inoltre che è stata già approntata dall'Ente la variazione di Bilancio per coprire i conseguenti maggiori oneri a carico degli Istituti.

Pur comprendendo il taglio al FFO imposto all'Ente, manifestiamo insoddisfazione per il mancato incremento del valore nominale del buono pasto a 10 euro come richiesto al tavolo negoziale, anche in considerazione del ritardo con cui è stato raggiunto il presente accordo.

Denunciamo, infine, la mancata disponibilità dell'Amministrazione a chiudere le trattative su molte altre questioni riguardanti il personale, con il rischio che l'entrata in vigore delle Leggi Brunetta-Tremonti possa rendere molto difficoltoso l'applicazione di alcuni istituti contrattuali.

Altre notizie da: