FLC CGIL
Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

http://www.flcgil.it/@3805049
Home » Ricerca » CNR. L’ordine del giorno del coordinamento FLC Cgil

CNR. L’ordine del giorno del coordinamento FLC Cgil

Il coordinamento nazionale Cnr della FLC Cgil, riunitosi il 16 maggio, ha discusso la situazione dell’Ente, con particolare riferimento alle questioni inerenti al personale, strutturato e non ed approvato il seguente ordine del giorno.

18/05/2006
Decrease text size Increase  text size

Il Coordinamento Cnr, con particolare riferimento alle questioni riguardanti il personale, valuta le responsabilità del gruppo dirigente dell’Ente estremamente gravi.

Problemi gravissimi attengono, nella totale assenza di trasparenza, all’operato delle commissioni esaminatrici dei concorsi tardivamente attuativi dell’art. 64 del Ccnl 1998-2001, alla gestione dei concorsi ex Intesa Cnr-Miur, all’utilizzo delle graduatorie dei concorsi celebrati tra il 2000 e il 2001, al colpevole ritardo accumulato per pubblicare i bandi di concorso autorizzati per il 2005.

Il Coordinamento attribuisce la responsabilità della situazione al Cnr e registra una grave perdita di credibilità dell’Ente che si mostra palesemente incapace di gestire correttamente, in particolare, le questioni attinenti il personale.

Si tratta di una colpevole disattenzione che evidenzia una fatale sottovalutazione del fatto che senza un’adeguata considerazione del personale non esiste alcuna possibilità di avere un «prodotto ricerca» all’altezza delle necessità del Paese. La FLC Cgil ha da tempo fatto presente come il Cnr sia un’emergenza nazionale che meriterebbe ben altra attenzione da parte del suo Presidente. È ancor più evidente che l’atteggiamento sin qui mostrato dal gruppo dirigente rischia di portare su una strada pericolosa che rischia di condurre l’Ente al disfacimento.

Il Coordinamento Cnr della FLC Cgil ritiene che la situazione, inaccettabile, richieda provvedimenti urgenti tesi a modificare profondamente la situazione attuale, in modo da ricondurre l’Ente all’operatività scientifica richiesta dall’interesse generale del Paese.

Roma, 16 maggio 2006

Altre notizie da: