FLC CGIL
Elezioni RSU 2022, candidati con la FLC CGIL

http://www.flcgil.it/@3962823
Home » Ricerca » CNR: la FLC CGIL ha sottoscritto il CCNI “Ipotesi piano welfare integrativo 2021-2023”

CNR: la FLC CGIL ha sottoscritto il CCNI “Ipotesi piano welfare integrativo 2021-2023”

Permangono tuttavia alcune criticità: le nostre considerazioni in merito.

10/08/2021
Decrease text size Increase  text size

Giovedì 5 agosto 2021 è stato siglato il Contratto Collettivo Integrativo - Ipotesi Piano di Welfare Integrativo 2021-2023. Criteri per il periodo 2021-2023 Art. 96 CCNL 19 aprile 2018.

La FLC CGIL, ha sottoscritto il CCNI per rispetto delle lavoratrici e dei lavoratori che hanno diritto a percepire tutti i benefici economici a loro riconosciuti dal CCNL. Tuttavia permangono alcune criticità per le quali la FLC CGIL a margine della sigla ha allegato una nota a verbale che riporta le seguenti considerazioni:

NOTA FLC CGIL A VERBALE SU: IPOTESI PIANO WELFARE INTEGRATIVO 2021/2023.

La FLC CGIL pone la firma all'Ipotesi di CCNI "Piano di Welfare Integrativo 2021-2023. Criteri per il periodo 2021-2023. Art. 96 CCNL 19 aprile 2018" per senso di responsabilità nei confronti delle lavoratrici e dei lavoratori del CNR.

La FLC CGIL ha proposto di differire a settembre la sigla della presente Intesa, successivamente al confronto OO.SS. - CNR sull’utilizzo dei residui del Fondo Benefici Assistenziali risalenti al 2014 e a seguire, nonché alla emanazione della circolare per l’attribuzione dei Sussidi Sanitari a favore dei dipendenti per gli anni 2019 e 2020, ancora da distribuire.

La FLC CGIL non può non stigmatizzare il comportamento superficiale e irresponsabile dell’Ente nella gestione dei Benefici Assistenziali.

Ritiene fondamentale sia attuata una gestione chiara dei Benefici Assistenziali. I fondi stanziati dal CCNL a favore dei lavoratori devono essere utilizzati nel modo più celere possibile ed essere gestiti in maniera trasparente rispettando le norme contrattuali vigenti.

Malgrado più volte richiesta, non è stata ancora fornita alcuna informazione riguardo i criteri con cui sono stati distribuiti una parte dei fondi residui erogati nel mese di aprile 2021. La decisione è stata presa in modo unilaterale da parte dell’Amministrazione.

Nell’Ipotesi Piano Welfare 2021-2023, come già successo negli ultimi anni, è assente la parte relativa ai rimborsi per i gli interessi sui prestiti eventualmente accesi dai dipendenti, argomento da anni lasciato in sospeso e ancora non risolto.

La FLC CGIL segnala che in questi giorni è stata finalmente emanata la circolare con le direttive per l’erogazione dei benefici assistenziali relativi solo all’anno 2019 in cui sono specificati le modalità e i requisiti per la presentazione delle domande.

Altre notizie da: