FLC CGIL
Emergenza Coronavirus: notizie e provvedimenti

http://www.flcgil.it/@3900597
Home » Notizie dalle Regioni » Sicilia » Catania » CPIA e corsi serali: se ne discute a Catania il 7 marzo

CPIA e corsi serali: se ne discute a Catania il 7 marzo

Un incontro seminariale organizzato dalla FLC CGIL e da Proteo Fare Sapere.

01/03/2013
Decrease text size Increase  text size

A cura della FLC CGIL Catania

Il Consiglio dei Ministri licenziando, nei mesi scorsi, il Regolamento per il riassetto organizzativo e didattico dei Centri Territoriali Permanenti, è intervenuto drasticamente su settori particolarmente delicati quale quelli dell'istruzione degli adulti, dell'obbligo scolastico e della formazione permanente.

L'intervento del Governo Monti, ignorando la criticità della problematica, i bassi livelli di istruzione del nostro Paese, un indice di vecchiaia tra i più alti d'Europa, la percentuale dei migranti, la dispersione scolastica, ha risposto con una Riforma che, in perfetta continuità con tutte le operazioni che hanno riguardato la scuola pubblica dalla legge 133 del 2008 in poi, innova alienando risorse e non considerando alcun contesto di crescita, nonostante il “decreto Fornero” sulla riforma del mercato del lavoro abbia dedicato proprio a questo tema articoli ed affermazioni importanti.

Dal territorio della provincia etnea, sono giunte richieste da parte dei lavoratori, dei dirigenti scolastici e dei vari attori del settore, per un momento di formazione e informazione sui cambiamenti in atto anche in considerazione della ricaduta sul calcolo degli organici per il prossimo anno scolastico.

Accogliendo le sollecitazioni dei lavoratori del delicato e, spesso, trascurato settore, la FLC CGIL Catania e l'Associazione Proteo Fare Sapere, organizzano, il 7 marzo 2013, alle ore 9.00 presso il C.D.”G. Pizzigoni” di Catania, una giornata seminariale dal titolo: “Le nuove forme per l'istruzione per adulti: i CPIA e i corsi serali”.

Sarà presente all'incontro seminariale Anna Fedeli, Segretaria nazionale FLC CGIL responsabile del settore.