FLC CGIL
Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

http://www.flcgil.it/@3952993
Home » Comunicati stampa » Comunicati FLC CGIL » Sinopoli: piena solidarietà al Ministro Fioramonti e alla sua famiglia

Sinopoli: piena solidarietà al Ministro Fioramonti e alla sua famiglia

Comunicato stampa della Federazione Lavoratori della Conoscenza CGIL.

04/10/2019
Decrease text size Increase  text size

Roma, 4 ottobre - “Il ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, Lorenzo Fioramonti, è oggetto in questi giorni di una vera e propria campagna di denigrazione lanciata da alcuni organi di stampa”. Ad affermarlo è Francesco Sinopoli, segretario generale della FLC CGIL.

“Le accuse che gli si rivolgono sono relative ad alcuni post sui social che il ministro aveva scritto anni fa e per i quali si è già scusato e ha già fatto ammenda. La vicenda poteva ritenersi chiusa e invece, si sono travalicati i confini tra la libertà di stampa e il diritto di ciascuno alla privacy”.

“Come denuncia lo stesso ministro, continua Sinopoli, si è cercato di indagare su scelte del tutto personali, che riguardano il figlio di 8 anni e la scuola che frequenta, come se ciò rappresentasse il paradigma sul quale giudicare l'operato di un personaggio pubblico, un ministro, del quale si chiedono addirittura le dimissioni”.

“Non è nostra volontà lanciare forme di censura alla libera stampa ma, incalza il segretario generale FLC, abbiamo tutto il diritto di stigmatizzarne gli eccessi e di manifestare, su questo punto, la nostra piena solidarietà al ministro Fioramonti e alla sua famiglia, gettata con disprezzo nel tritacarne mediatico più odioso”.

"Il giudizio di merito sul suo operato di ministro si misurerà per noi sugli atti concreti che egli porterà nella sua attività di governo dell'istruzione, dell'università, dell'Afam e della ricerca, a partire dalla stabilizzazione dei docenti, dal rinnovo dei contratti scaduti e soprattutto dalle risorse urgenti, ingenti e necessarie da reperire nella prossima manovra finanziaria”. Conclude Sinopoli.