FLC CGIL
Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

http://www.flcgil.it/@3822251
Home » Comunicati stampa » Comunicati FLC CGIL » DAL 28 SETTEMBRE AL 13 OTTOBRE AL VIA LE ELEZIONI DEL PRIMO FONDO DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE DEI LAVORATORI PUBBLICI

DAL 28 SETTEMBRE AL 13 OTTOBRE AL VIA LE ELEZIONI DEL PRIMO FONDO DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE DEI LAVORATORI PUBBLICI

Comunicato stampa di Enrico Panini, Segretario Generale Federazione Lavoratori della Conoscenza Cgil

21/09/2006
Decrease text size Increase  text size

Il 28 settembre inizieranno le operazioni di voto per eleggere 30 rappresentanti delle lavoratrici e dei lavoratori nell’Assemblea dei soci del Fondo di previdenza complementare della scuola denominato “Espero”.

“Espero” è il primo Fondo del settore pubblico che avvia la propria attività dopo aver raggiunto brillantemente i 50.000 aderenti. Un dato che lo colloca, fin d’ora, tra le realtà con il maggiore seguito.

Le operazioni di voto si concluderemmo il 13 ottobre mentre i risultati saranno resi noti il 13 novembre.

La FLC ha motivo di grande soddisfazione perché una parte di lavoratori, che ci auguriamo sempre maggiore, comincia a veder tutelata in modo più completo la propria condizione pensionistica e perché l’operatività raggiunta da Espero agirà da volano contro le inerzie del Governo, che ancora impediscono la conclusione positiva per gli altri fondi pubblici.

Espero sta per registrare nel Libro soci, condizione essenziale per poter partecipare al voto, praticamente tutti coloro che, in questi mesi, hanno aderito. Di questo traguardo sono particolarmente soddisfatto, come iscritto al Fondo e come segretario generale della FLC Cgil.

Mai come in questo caso, infatti, la partecipazione al voto ha un valore importante e riconosciuto. Ciò consente alle lavoratrici ed ai lavoratori di esprimere loro rappresentanti in organismi decisivi per delineare le strategie finanziarie e orientare le scelte di gestione. Due aspetti chiave che distinguono i fondi negoziali come Espero da quelli in mano alle banche ed alle assicurazioni private.

Come FLC abbiamo perseguito con grande convinzione il traguardo di garantire il diritto di voto a tutti gli aderenti, sopratutto in quei territori dove il gap temporale e numerico tra iscrizione e diritto al voto risultava particolarmente rilevante.

Ora la campagna elettorale, che porterà al voto del 13 ottobre, può dispiegarsi nella sua pienezza.

In tal senso le nostre strutture stanno attuando una serie di iniziative verso tutti i posti di lavoro, così le elettrici e gli elettori potranno valutare il programma della FLC Cgil e gli obiettivi che ci impegniamo ad attuare per valorizzare i loro interessi.

Roma, 21 settembre 2006