FLC CGIL
Contratto Istruzione e ricerca, filo diretto

https://www.flcgil.it/@3773015
Home » Rassegna stampa » Rassegna stampa nazionale » Repubblica-Condoni e tagli, ecco la manovra

Repubblica-Condoni e tagli, ecco la manovra

La Finanziaria chiude l'iter al Senato: palazzo Madama ha profondamente modificato il vecchio impianto Condoni e tagli, ecco la manovra Dodici le sanatorie. Meno fondi alla scuola, mini-sgravi ...

22/12/2002
Decrease text size Increase text size
la Repubblica

La Finanziaria chiude l'iter al Senato: palazzo Madama ha profondamente modificato il vecchio impianto
Condoni e tagli, ecco la manovra
Dodici le sanatorie. Meno fondi alla scuola, mini-sgravi Irpef

Stretta complessiva sulle risorse per il Sud: meno favorevoli gli incentivi alle imprese
La riduzione fiscale voluta da Berlusconi e Tremonti, ma crescono i tributi locali
Sparisce il divieto di cumulo tra reddito da lavoro e pensione di anzianità
ROBERTO PETRINI

ROMA - Chi ha evaso potrà rimettersi in regola, le fasce più basse di reddito avranno un lieve ammorbidimento fiscale ma i costi dei servizi comunali sono destinati ad aumentare. Le imprese pagheranno due punti i meno di Irpeg ma il governo aveva precedentemente abolito gli sconti della Dit tra le proteste di Confindustria. Aumenteranno le sigarette, i ticket per le cure termali e non saranno aboliti quelli per le analisi. Alla scuola pubblica verranno tolte risorse ma chi sceglierà la scuola privata potrà contare su una prima sperimentazione dei bonus. I pensionati potranno lavorare senza subire decurtazioni. Infine, dal prossimo anno, i videogiochi nei bar potranno distribuire vincite in denaro.
Misure grandi e piccole che cambieranno la vita dei cittadini fin dalle prossime settimane ma con riflessi destinati a rivelarsi negli anni successivi: a partite dal maxi condono tombale che da solo deve fruttare 8 miliardi di euro e che secondo alcuni scoraggerà in futuro i contribuenti più onesti. Per non parlare delle misure una tantum, come le cartolarizzazioni per 4 miliardi, che dal 2004 dovranno lasciare spazio a tagli ben più dolorosi.
L'anno dei dodici condoni. Il più importante è il fiscale tombale: vuol dire che chi ha evaso Irpef o Irpeg può mettersi in regola pagando il 18 per cento delle imposte versate negli anni 1997-2001. Chi partecipa, entro il 16 marzo del 2003, non avrà visite degli ispettori del fisco e non sarà punito per i reati tributari penali commessi. Al "tombale" si aggiungono altre due strade la cosiddetta dichiarazione integrativa e il concordato di massa. Si potranno condonare anche gli illeciti già iscritti a ruolo, le tasse sulle successioni e catastali. Inoltre, se gli enti locali sfrutteranno la possibilità, Ici, bollo auto e tassa sui rifiuti. Condono anche per canone Rai (10 euro) e affissioni illegali dei manifesti elettorali.
La nuova Irpef. Voluta fortissimamente da Berlusconi e Tremonti la mini-riduzione delle tasse è arrivata anche al costo di finanziarla con il condono o con gli sconti concessi dall'Europa per via della stagnazione dell'economia. Le nuove aliquote sono: 23 per cento fino a 15 mila euro; 29 per cento da 15 a 29 mila euro; 31 per cento da 29 mila a 32 mila e 600 euro; 39 per cento da 32 mila e 600 a 70 mila euro; 45 per cento oltre i 70 mila euro. A conti fatti gli sgravi agiranno fino a 25 mila euro ma in futuro il programma è quello di tagliare solo le aliquote alte.
Tagli a scuola, sanità e pubblica amministrazione. Sebbene meno duri della prima versione i tagli sono rilevanti e ammontano a 8 miliardi euro. Nella scuola si riducono le cattedre e i bidelli. Nella pubblica amministrazione viene bloccato il turn over e tagliate del 10% le spese intermedie. Per la sanità sono giunte all'ultimo momento risorse per 164 milioni di euro ma se le Regioni vorranno accedere ai fondi dovranno monitorare ricette, prestazioni e lavoro dei direttori delle Asl.
Sud e investimenti. E' stata una vera battaglia, ma alla fine è prevalsa l'idea che gli incentivi statali alle imprese non saranno più a fondo perduto ma dovranno essere restituiti almeno per il 50 per cento. E' rimasta una stretta complessiva alle risorse per il Sud. Il credito d'imposta per le imprese che assumono viene ridotto a 100 euro (150 per gli ultraquarantacinquenni).
Pensionati e lavoratori. Chi va in pensione di anzianità con 58 anni di età e 37 di contributi non sarà più sottoposto al divieto di cumulo con redditi da lavoro. Gli altri potranno accedere al nuovo sistema con un condono.
Dai videogiochi alle mini-car. Debuttano le vincite in denaro ai videogiochi che potranno arrivare a 10 euro. Tassate le mini-car: pagheranno 50 euro come le moto di grossa cilindrata.
Sgravi ristrutturazioni. E' forse una delle norme più attese: la proroga del 36 per cento Irpef varrà fino a settembre 2003.
Aumento delle sigarette. E' passato sotto il nome di tassa sul fumo: in pratica si pagheranno 20 centesimi in più al pacchetto.
Internet e decoder. Per favorire banda larga e decoder c'è un fondo di 31 milioni. Arriva anche un fondo speciale per i computer ai giovani.


La nostra rivista online

Servizi e comunicazioni

Seguici su facebook
Rivista mensile Edizioni Conoscenza
Rivista Articolo 33

I più letti

Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Ora e sempre esperienza!
Servizi assicurativi per iscritti e RSU
Servizi assicurativi iscritti FLC CGIL

FERMIAMO L’AUTONOMIA DIFFERENZIATA!

Al via la
campagna referendaria.

APPROFONDISCI