FLC CGIL
Contratto Istruzione e ricerca, filo diretto

https://www.flcgil.it/@3768175
Home » Rassegna stampa » Rassegna stampa nazionale » GdS-Restituire dignità ai precari

GdS-Restituire dignità ai precari

Lo chiede il segretario della Cgil Scuola, Francesco Spingola "Restituire dignità ai precari" Restituire la dignità ai precari della Scuola. Lo chiede Francesco Spingola, segretario provinciale ...

31/07/2002
Decrease text size Increase text size
Gazzetta del Sud

Lo chiede il segretario della Cgil Scuola, Francesco Spingola
"Restituire dignità ai precari"

Restituire la dignità ai precari della Scuola. Lo chiede Francesco Spingola, segretario provinciale della Cgil Scuola, in una nota. "È sempre più forte l'esigenza di tutela anche nel mondo del lavoro della Scuola per il personale docente e tecnico amministrativo '#8211; sottolinea Spingola '#8211;. Va appunto in questa direzione l'iniziativa promossa dalla Cgil Scuola provinciale di Cosenza che, coerentemente con quanto avviato a livello nazionale, vuole diventare un punto di riferimento anche per i precari (sia docenti che tecnici'#8211;amministrativi) della provincia di Cosenza, costituendo un apposito coordinamento provinciale". E così, per contestare il blocco delle immissioni in ruolo voluto dal ministro Moratti, la Cgil Scuola "invita tutti i docenti precari a sottoscrivere l'atto di diffida individuale il cui modello è in distribuzione presso la sede di Piazza Vittoria e che sarà recapitato, poi, alla stessa Moratti. Un atto di tutela individuale in cui vengono ribadite le inadempienze per la mancata immissione in ruolo e l'inosservanza delle vigenti normative che prevedono che le assunzioni a tempo indeterminato debbano essere completate entro il 31 luglio di ogni anno". Secondo il sindacato, infatti "risultano vacanti circa 100.000 posti nelle scuole di ogni ordine e grado, in tutto il Paese. Secondo il programma del 2000 oltre 30.000 docenti avrebbero dovuto avere la possibilità di essere immessi in ruolo con evidenti risvolti occupazionali anche in provincia di Cosenza. Contriamente a ciò '#8211; sottolinea ancora Francesco Spingola '#8211;, il ministro Moratti ha annunciato che circa 100.000 docenti sono in esubero nella Scuola italiana, utilizzando criteri e terminologie aziendaliste che poco hanno a che fare con con la Scuola pubblica, quella prevista dalla Costituzione e che dovrebbe garantire a tutti i cittadini italiani il diritto all'istruzione". La considerazione conclusiva del segretario provinciale della Cgil scuola non risparmia le nomine che oggi si concludono al 'Monaco'. "Le condizioni ed i meccanismi con cui si verificano le designazioni per gli incarichi ai docenti precari pongono problemi anche relativamente al rispetto per le persone e per la dignità della professione. La Cgil scuola di Cosenza formalizzerà una richiesta al Csa per valutare soluzioni più dignitose e, nelle forme e nelle modalità, del ruolo dei docenti precari. Modificare e migliorare questo sistema per l'assegnazione degli incarichi e supplenze è un preciso obiettivo della Cgil scuola di Cosenza. Una proposta che sarà sicuramente condivisa dalle altre forze sindacali e dallo stesso Csa. (g.p.)


La nostra rivista online

Servizi e comunicazioni

Seguici su facebook
Rivista mensile Edizioni Conoscenza
Rivista Articolo 33
Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Ora e sempre esperienza!
Servizi assicurativi per iscritti e RSU
Servizi assicurativi iscritti FLC CGIL