FLC CGIL
Contratto Istruzione e ricerca, filo diretto

https://www.flcgil.it/@3773025
Home » Rassegna stampa » Rassegna stampa nazionale » Fuoriregistro-Da venerdì a martedì

Fuoriregistro-Da venerdì a martedì

Da venerdì a martedì di Anna Pizzuti - 20-12-2002 Nel giro di pochi giorni mi è accaduto di partecipare a due occasioni pubbliche di discussione sulla riforma che sta per arrivare: una all...

22/12/2002
Decrease text size Increase text size
Fuoriregistro

Da venerdì a martedì
di Anna Pizzuti - 20-12-2002

Nel giro di pochi giorni mi è accaduto di partecipare a due occasioni pubbliche di discussione sulla riforma che sta per arrivare: una alla presenza di un consigliere del ministro Moratti, l'altra una delle vittime dello spoil sistem (così lui si è definito) cioè un direttore generale 'dismesso' in quanto non gradito all'attuale maggioranza.
Il tema del primo incontro era il rappporto tra genitori e scuola che si svilupperà nella scuola che verrà, quello del secondo il rapporto tra scuola e devolution.
Racconterò, semplicemente quello che ho ascoltato, perché l'aspetto più interessante dell'esperienza, sta proprio nell'eco che ciascuno degli incontri ha trovato nell'altro.
Comincio, ovviamente, dal primo.
La posizione espressa dai dirigenti dell'associazione dei genitori ruotava intorno ad un concetto: la riforma Moratti segnerà un cambiamento epocale perché per la prima volta viene messa al centro dell'azione della scuola LA PERSONA (intesa come alunno) mentre finora questo non era accaduto, di qui tutti i disastri e le violenze che hanno per protagonisti i giovani.
Il consigliere del ministro ha illustrato, nel suo intervento, gli aspetti più significativi della riforma. Ha iniziato descrivendo il quadro delle modifiche costituzionali in atto, precisando che ormai tutto il sistema è di competenza delle regioni; in questo modo '#8211; ha sostenuto '#8211; la scuola non sarà più schiacciata dal centralismo dei programmi ministeriali e dalle migliaia e migliaia di circolari che ne imbrigliavano a creatività e la libertà di iniziativa. Ha poi illustrato il percorso del doppio canale, motivandone la necessità con la consapevolezza che nessun paese moderno può permettersi i costi di una istruzione generalizzata, che il rapporto tra numero dei docenti e numero degli alunni è insostenibile e che del resto i dati sulla dispersione confermano il fallimento della scolarizzazione di massa. Per onestà di cronista debbo riferire che l'intervento, in vari passaggi, è stato accompagnato da mormorii del pubblico, composto per lo più da maestre elementari. Alcune delle quali, peraltro, direttamente coinvolte nella sperimentazione ed interessate a confrontare i primi esiti della loro esperienza con le intenzioni che ne avevano accompagnato la nascita. Le questioni che hanno posto indicano una valutazione 'controcorrente' rispetto a quella presentata in questi giorni da qualche quotidiano. Le maestre hanno iniziato ricordando che alla base della sperimentazione c'era l'intenzione '#8211; scientificamente corretta '#8211; di verificare la fattibilità del progetto di riforma, dirivederlo e sistemarlo in base ai problemi ed alle valutazioni che proprio dalla sperimentazione sarebbero emerse. Hanno perciò fatto notare l'incongruenza tra i tempi con i quali la riforma sta seguendo il suo iter parlamentare e il procedere della sperimentazione che non è ancora terminata. Hanno poi lamentato il fatto che non sia stato loro concesso il tempo prolungato, mentre all'inizio era stato promesso ( e all'interlocutore ministeriale che si affannava a sostenere che è prevista l'oscillazione tra le 900 e le 1000 ore hanno citato il noeme dell'ispettore che aveva tagliato ore previste nel progetto aprovato e lodato) ed hanno anche affermato di aver visto crescere notevolente l'aspetto burocratico de loro lavoro, insieme al numero delle circolari che provengono sia dal ministero che dalla regione.
Mi rendo conto di star assumendo un tono quasi burocratico, da verbale, ma mi sono impegnata a separare, come nelle migliori tradizioni, i fatti dalle opinioni.
Altri mormorii e rimostranze ci sono stati a partire dalla risposta alla precisa domanda riguardante l'integrazione dell'handicap all'interno della riforma. Mormorii e rimostranze causate dall'affermazione che troppe sonol e certificazioni, troppi gli insegnanti di sostegno, troppe 'vivacità' scambiate per handicap, e sostegno assegnato anche a bambini in dialisui ('Di un infermiere avrebbero bisogno, non di sostegno')
In merito alla schiavitù determinata dai programmi è stata ricordata '#8211; da un'insegnate di scuola media - la differenza tra programmi e programmazione (personale, di classe, di istituto) che da anni si fa nelle scuole e un'altra insegnate ha chiesto ai colleghi presenti che cosa avessero messo al centro del loro lavoro, finora, se non i ragazzi.
E' stato chiesto, sempre a proposito di programmi, a che punto fosse la preparazione di quelli della scuola secondaria superiore e qui ci è stata preannunciata la riuninone del 19 dicembre con gli esperti ..' e poi saranno dati in pasto a voi'.
Come promesso, non esprimo opinioni.
L'unica 'alterazione' tra il procedere degli argomenti e il mio racconto è quella che riguarda le riforme costituzionali. L'affermazione' Ormai saranno le regioni ad occuparsi di scuola' fatta all'inizio, aveva suscitato la domanda.'Si dà già per approvata la proposta di Bossi?' che ha avuto la seguente risposta: 'No, ma anche se la proposta fosse approvata non cambierebbe nulla, perché lì si parla di gestione della scula e questo riduce l'intervento delle regioni ai soli aspetti dell'edilizia scolastica'.
Mi è stata necessaria, l'alterazione, per lanciare il pone tra il venerdì, giorno della prima conferenza, al martedì, giorno della seconda. Che si occupava appunto del futuro della scuola all'interno del processo di devolution (termine che detesto e che è anche vagamente ridicolo, perché si usa l'inglese '#8211; lingua internazionale - per idicare un percorso che avrà come termine il trionfo del localismo).
Non sto naturalmente a riferire tutta l'illustrazione delle riforme costituzionali a partire dalla legge 59 e così la relazione risulterà più breve.
Ma una citazione mi è necessaria. Riporto quindi il testo della proposta di Bossi, che da sola, ritengo, sostituisce i commenti che mi sono impegnata a non fare.

Disegno di Legge AS 1187
(approvato dal Senato il 5 dicembre 2002)
Modifiche dell'articolo 117 della Costituzione
DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE
Art. 1.
(Modifiche dell'articolo 117 della Costituzione)

1. Dopo il quarto comma dell'articolo 117 della Costituzione è inserito il seguente:
"Le Regioni attivano la competenza legislativa esclusiva per le seguenti materie:
a) assistenza e organizzazione sanitaria;
b) organizzazione scolastica, gestione degli istituti scolastici e di formazione, salva l'autonomia delle istituzioni scolastiche;
c) definizione della parte dei programmi scolastici e formativi di interesse specifico della Regione;
d) polizia locale".

Organizzazione e gestione.E' su questi termini che ha ragionato il relatore. E ha ricordato che erano i termini, le parole chiave, dell'autonomia scolastica. Perciò '#8211; ha fatto notare '#8211; è stato importante riuscire ad aggiungere la dicitura salva l'autonomia delle istituzioni scolastiche.
Quale autonomia è fatta salva? ci si chiedeva. In base alle regole finora ritenute valide ( fino a nuovo provvedimento valgono i precedenti) l'autonomia che è scaturita dall'articolo 21 della legge Bassanini e che poi è stata trasferita nei decreti e regolamenti che tutti conosciamo.
Che tutti conosciamo e ma che che forse varrebbe la pena di rileggere, perché così magari scopriremmo quanta parte di essi sia in contrasto non tanto con i principi dichiarati dalla riforma Moratti, quanto sugli effetti che la sua applicazione avrà sull'ordinamento scolastico di questo Paese. In particolare, la questione del curricolo.
Ma se gestione ed organizzazione delle scuole passano alle regioni, cosa resta di questa autonomia?
Il rischio, secondo il relatore, potrebbe essere che dall'accentramento statalista, per usare un termine oggi diffuso, che dalla scuola dello Stato, si passi alla scuola dei governatori e degli assessori.
Anche qui, al termine della relazione, il dibattito. Intorno agli stessi temi, con le stesse preoccupazioni. Con la sensazione che la partita che si sta giocando sulla scuola è veramente decisiva. E con qualche dubbio sul fatto che gli insegnanti sappiano giocarsela anche loro, questa partita. Con la loro autonomia.

[ commenta ]


La nostra rivista online

Servizi e comunicazioni

Seguici su facebook
Rivista mensile Edizioni Conoscenza
Rivista Articolo 33

I più letti

Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Ora e sempre esperienza!
Servizi assicurativi per iscritti e RSU
Servizi assicurativi iscritti FLC CGIL

FERMIAMO L’AUTONOMIA DIFFERENZIATA!

Al via la
campagna referendaria.

APPROFONDISCI