FLC CGIL
Contratto Istruzione e ricerca, filo diretto

https://www.flcgil.it/@3912137
Home » Rassegna stampa » Rassegna stampa nazionale » Bruno Trentin torna in un «giallo» Cgil

Bruno Trentin torna in un «giallo» Cgil

di Bruno Ugolini

20/05/2014
Decrease text size Increase text size
l'Unità

Si è proprio lui, Bruno Trentin, già segretario della Cgil, scomparso nel 2007. È tornato a farsi sentire in un modo inedito. Rivive in un libro «giallo», un avvincente thriller, costruito da tre quarantenni della Cgil. Nel volume (Editori Internazionali Riuniti) compaiono nomi e sigle inventati, ma è facile capire di chi si parla. Come quasi in ogni «giallo» si parte con un delitto. La vicenda (indagini, indizi, colpi di scena) è subito inserita in un affresco generale. È quello del mondo del lavoro odierno, nelle sue tormentate frammentazioni. E anche l’assassino, svelato nelle ultime pagine, avrà a che fare con lo scenario che fa da sfondo. Con il ricorso a un linguaggio denso e piacevole, da far invidia a tanti narratori del genere. Questo anche perché gli autori posseggono, accanto ai «saperi» derivanti dalle attività sindacali, un notevole background culturale.

Certo il libro è firmato, non casualmente, Tom Joad (un personaggio di «Furore», creato da John Steinbeck). I veri autori sono però Claudio Franchi, filologo e critico letterario, dottore di ricerca in provenzalistica, oggi dirigente della Flc (lavoratori della conoscenza); Augusto Palombini, archeologo e dirigente in Agenquadri-Cgil; Francesco Sinopoli, dottore di ricerca in diritto del lavoro e dirigente della Flc. Il titolo del volume è «Rosso quadrato» e in qualche modo ricorda il distintivo proprio della Cgil (un quadratino rosso).

I capitoli che si susseguono lanciano, sotto il fatto di cronaca, un messaggio di cambiamento e innovazione. I tre autori hanno pensato di «comunicare» abbandonando il «sindacalese», servendosi di una trama popolare e coinvolgente. Un passaggio essenziale è dato proprio dall’incontro con Bruno Trentin redivivo nei panni di «Tiziano Bruni». Il protagonista del libro Marco Degli Esposti, fondatore nell’agro pontino di una «Casa del lavoro», confessa di aver trascorso tanto tempo a riflettere su libri e articoli di Bruni e ora lo incontra e lo sente apprezzare quella «casa» abitata soprattutto da precari. E dice: «È da esperienze simili che il movimento sindacale, e più in generale gli schieramenti politici progressisti, dovrebbero ripartire».

Nel romanzo i personaggi sono tanti. C’è un immaginario giornalista del «Corriere» che parla di «sindacati abnormi che difendono privilegi anacronistici». Ci sono sindacalisti magari abilissimi nelle trattative su complicati livelli salariali ma sordi alla possibilità di portare al negoziato i precari. Altri si muovono come tra due fuochi: «Metà della gente vorrebbe che ti togliessi dai piedi, l’altra metà pensa che non fai quanto dovresti». C’è lo spregiudicato imprenditore Giacomo Marchetti, al centro di un’intricata rete di affari e di politica. Uno abituato a mettere in piedi società che aprono e chiudono con dipendenti a contratti a progetto o collaboratori. Un modo per favorire l’occupazione? Spiega un professore di diritto del lavoro che allora «possiamo giustificare tutto: il caporalato, il lavoro minorile…allora i faraoni e gli aguzzini delle galee romane erano dei grandi benefattori, perché davano lavoro a un sacco di gente».

Sono passaggi che aprono una discussione. E c’è chi dice: «Forse dovremmo pensare un po’ anche agli iscritti di domani, oltre che a quelli di oggi». Mentre altri, prudenti, osservano: «Noi non siamo i generali che decidono la guerra, siamo le infermiere che provano a curare i feriti…».
La storia giunge all’epilogo. E la scoperta della verità accompagna anche un sussulto nel gruppo di collaboratori a progetto dell’impresa di Marchetti. Una mattina si ribellano, scioperano. C’è chi esulta: «La rinascita della coscienza di classe. Succede più o meno ogni cent’anni, come le comete». E si può così sognare un mondo dove «qualunque occupazione ha degli stipendi minimi sotto i quali non puoi scendere. Dove, quando una come te termina un lavoro, ha un minimo di sussidio garantito, assieme a forme di aggiornamento e crescita professionale».

Susanna Camusso, nelle sue conclusioni al congresso Cgil ha parlato di queste cose. E ha accennato anche alla volontà di uscire da una visione leaderistica oggi in auge nel campo politico. Magari innovando anche la leadership sindacale. Ecco sarebbe bello che si pensasse anche a uno come Marco Degli Esposti. Un seguace, diciamo così, dei due personaggi a cui è dedicato «Quadrato Rosso»: Vittorio Foa e Bruno Trentin.


La nostra rivista online

Servizi e comunicazioni

Seguici su facebook
Rivista mensile Edizioni Conoscenza
Rivista Articolo 33

I più letti

Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Ora e sempre esperienza!
Servizi assicurativi per iscritti e RSU
Servizi assicurativi iscritti FLC CGIL

FERMIAMO L’AUTONOMIA DIFFERENZIATA!

Nei prossimi giorni potrai firmare
per il referendum abrogativo.

APPROFONDISCI