FLC CGIL
Contratto Istruzione e ricerca, filo diretto

https://www.flcgil.it/@3777237
Home » Rassegna stampa » Rassegna stampa locale » Mess.Veneto-Pordenone-Superiori, tagli all'orizzonte

Mess.Veneto-Pordenone-Superiori, tagli all'orizzonte

Superiori, tagli all'orizzonte Pertini e Mattiussi tra le scuole a rischio di ridimensionamento La sindrome del posto fisso: è l'ansia delle vacanze che accomuna precari e soprannumer...

24/06/2003
Decrease text size Increase text size
MessaggeroVeneto

Superiori, tagli all'orizzonte
Pertini e Mattiussi tra le scuole a rischio di ridimensionamento

La sindrome del posto fisso: è l'ansia delle vacanze che accomuna precari e soprannumerari della scuola, ancora al buio sulle opportunità di lavoro. Dietro l'angolo il pericolo della razionalizzazione degli istituti: la lista nera provinciale dei 15 istituti sottodimensionati rispetto allo standard del rapporto docenti-alunni stilata un anno fa non è stata archiviata, dicono le gole profonde sindacali. A partire dagli istituti tecnici e professionali di Pordenone: dopo i tagli poderosi a 17 cattedre dell'organico funzionale dell'Ipsc Flora, toccherà all'Itg Pertini e all'Itc Mattiussi il ridimensionamento? Ce n'è abbastanza per un'estate di fuoco.
I precari (oltre 1.500 tra docenti e Ata del Pordenonese) soffrono vacanze bloccate per le scadenze legate alla pubblicazione delle graduatorie permanenti entro giugno e il corollario delle definitive a luglio con la tornata di nomine a incarico annuale messa in conto entro agosto: forse saranno un centinaio i contratti in meno rispetto al 2002. Malumori forti anche tra i docenti di ruolo caduti nel girone dell'esubero, i cosiddetti Dop. Lo zoccolo storico di una settantina divisi tra medie e superiori, aumenta quest'anno di altri 50 nuovi perdenti posto concentrati soprattutto nell'area superiore e anche i docenti tecnico-pratici rischiano di essere declassati, con i venti della riforma dei cicli, al ruolo di assistenti tecnici di laboratorio. L'incubo del licenziamento dopo due anni di soprannumerarietà a stipendio ridotto, in base alla legge 212 del 2002, è passato ma resta il 'vulnus' di come e su quali posti riconvertire le competenze professionali degli esuberi. Un problema da affrontare subito, secondo i sindacalisti di Cgil scuola.
"Non ci saranno licenziamenti per il personale in esubero o inidoneo nel 2003-2004 '#8212; rassicura il cigiellino Gianfranco Dall'Agnese '#8212;, però il problema è soltanto rinviato all'applicazione della riforma Moratti. Bisogna aprire un confronto tra sindacati e ministero, per monitorare la situazione degli esuberi che nel Pordenonese raggiungono ormai quota 150 unità e sono destinati ad aumentare tra un anno con il taglio di altre 8.500 cattedre, cercando soluzioni che non siano le mancate assunzioni. L'idea di procedere a una ristrutturazione della scuola basata non sull'utilizzo del personale ma sul suo azzeramento progressivo, la rispediamo al mittente. Il diritto al lavoro non si tocca e rivendichiamo l'assunzione in ruolo dei precari su tutti i posti liberi, da settembre".


La nostra rivista online

Servizi e comunicazioni

Seguici su facebook
Rivista mensile Edizioni Conoscenza
Rivista Articolo 33
Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Ora e sempre esperienza!
Servizi assicurativi per iscritti e RSU
Servizi assicurativi iscritti FLC CGIL