FLC CGIL
Contratto Istruzione e ricerca, filo diretto

https://www.flcgil.it/@3773039
Home » Rassegna stampa » Rassegna stampa locale » Mess.Veneto-Pagate i commissari

Mess.Veneto-Pagate i commissari

"Pagate i commissari" Una sentenza che cambierà la sorte di almeno una sessantina di docenti creditori da due anni del Miur e che mette sotto rischio di pignoramento l'ufficio scolastico provin...

23/12/2002
Decrease text size Increase text size
MessaggeroVeneto

"Pagate i commissari"

Una sentenza che cambierà la sorte di almeno una sessantina di docenti creditori da due anni del Miur e che mette sotto rischio di pignoramento l'ufficio scolastico provinciale, insolvente. È il sindacato Cgil scuola a conquistare un altro trofeo nel capitolo vertenze, dopo il pronunciamento del giudice del lavoro al tribunale di Pordenone che il 9 dicembre ha accolto il ricorso di un docente commissario non pagato per il servizio reso durante i concorsi riservati. "Non avendo ottenuto la liquidazione spettante '#8212; annuncia il segretario cigiellino Carla Franza '#8212; l'insegnante ha fatto ricorso patrocinato dall'avvocato Maria Antonia Pili e ora dovrà essere pagato. La procedura è passata, a fine ottobre, attraverso il tentativo di conciliazione con mancato accordo, quindi al ricorso per decreto ingiuntivo e ora il Csa si troverà davanti un conto spese raddoppiato, rispetto ai circa 2 mila 800 euro del compenso docente". Circa 10 milioni di vecchie lire e se il pagamento non sarà effettuato, si potrà procedere con il pignoramento dei beni. La sentenza pilota è una delle tante attese in tutte le province italiane, perché centinaia di commissari dei concorsi riservati stanno procedendo con azioni legali.



La nostra rivista online

Servizi e comunicazioni

Seguici su facebook
Rivista mensile Edizioni Conoscenza
Rivista Articolo 33

I più letti

Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Ora e sempre esperienza!
Servizi assicurativi per iscritti e RSU
Servizi assicurativi iscritti FLC CGIL

FERMIAMO L’AUTONOMIA DIFFERENZIATA!

Al via la
campagna referendaria.

APPROFONDISCI