FLC CGIL
Contratto Istruzione e ricerca, filo diretto

https://www.flcgil.it/@3792533
Home » Rassegna stampa » Rassegna stampa locale » La Sicilia-Scuola, entro il 25 gennaio le nuove iscrizioni -La Cgil lancia nuovi strali alla riforma Moratti

La Sicilia-Scuola, entro il 25 gennaio le nuove iscrizioni -La Cgil lancia nuovi strali alla riforma Moratti

Scuola, entro il 25 gennaio le nuove iscrizioni La Cgil lancia nuovi strali alla riforma Moratti Il prossimo 25 gennaio è l'ultima data utile per le iscrizioni nelle scuole di ogni ordine e ...

05/01/2005
Decrease text size Increase text size
La Sicilia

Scuola, entro il 25 gennaio le nuove iscrizioni
La Cgil lancia nuovi strali alla riforma Moratti

Il prossimo 25 gennaio è l'ultima data utile per le iscrizioni nelle scuole di ogni ordine e grado per l'anno scolastico 2004/2005. Un termine che ha suscitato perplessità e proteste da parte degli organi collegiali oltre ad una generale confusione. "La riforma della scuola sembra avere come unico obiettivo quello di dare un taglio consistente agli organici. La Cgil scuola ha denunciato subito questo programma debilitante".
"In questo anno le scuole hanno avuto meno risorse economiche e umane e nello stesso tempo hanno dovuto far fronte ad un carico di lavoro estenuante - ha dichiarato Rita Magnano della Cgil - basti pensare alla mole di lavoro che ha investito il personale delle segreterie con adempimenti nuovi e vecchi, i collaboratori scolastici che pur continuando a subire il taglio del 2% si sono visti attribuire anche l'incombenza di fotocopiare i famosi portfolio, i docenti che con le cattedre ricondotte a 18 ore, l'imposizione della figura del tutor con relative incombenze, la compilazione del portfolio hanno smesso di contare le ore trascorse a scuola tra lezioni e riunioni".
"Oggi con la nuova circolare sulle iscrizioni si apre una nuova fase - prosegue Rita Magnano - i collegi dei docenti devono prendere coscienza dei loro autonomi spazi decisionali e soprattutto deliberare dopo avere attinto informazioni trasparenti, corrette e precise su cosa è legittimo fare e cosa non si può fare distinguendo tra propaganda, pressioni e vincoli legislativi. Le scelte che i docenti prenderanno in questi giorni avranno inevitabili ricadute sul versante dell'occupazione e sulla qualità dell'offerta formativa che verrà assicurata ai giovani. Anche le famiglie si ritroveranno a dover esprimere pareri e a dover fare delle scelte. Gestire questa fase è importante per continuare ad arginare quanto più possibile i danni di questa riforma. Iscrizioni, piano dell'offerta formativa, organici, qualità della scuola, tutti aspetti di un unico problema".
La Cgil ha messo a disposizione un carteggio ben fornito per docenti e studenti.
na. ne.


La nostra rivista online

Servizi e comunicazioni

Seguici su facebook
Rivista mensile Edizioni Conoscenza
Rivista Articolo 33

I più letti

Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Ora e sempre esperienza!
Servizi assicurativi per iscritti e RSU
Servizi assicurativi iscritti FLC CGIL

FERMIAMO L’AUTONOMIA DIFFERENZIATA!

Al via la
campagna referendaria.

APPROFONDISCI