FLC CGIL
Inchiesta nazionale sul lavoro promossa dalla CGIL

https://www.flcgil.it/@3965446
Home » Comunicati stampa » Comunicati FLC CGIL » ISTAT: FLC CGIL in piazza con lavoratrici e lavoratori in sciopero per difendere l'indipendenza e l'autonomia della ricerca e della statistica pubblica

ISTAT: FLC CGIL in piazza con lavoratrici e lavoratori in sciopero per difendere l'indipendenza e l'autonomia della ricerca e della statistica pubblica

Clamorosi i primi dati sull'adesione allo sciopero: oltre il 50% di ricercatori, tecnologi e collaboratori tecnici ha aderito!

20/06/2022
Decrease text size Increase  text size

Roma, 20 giugno - Questa mattina oltre 200 lavoratrici e lavoratori dell’ISTAT hanno manifestato a piazza Esquilino a pochi passi dalla sede centrale dell'Istituto di nazionale di statistica a Roma.

“La FLC CGIL - dichiara Francesco Sinopoli - appoggia pienamente la battaglia di lavoratrici e lavoratori contro il progetto del Governo e a difesa della statistica pubblica e dell’autonomia dell’ente”.

“I primi dati di adesione allo sciopero indetto dalla quasi totalità delle sigle sindacali sono superiori a qualsiasi previsione: oltre il 50% di ricercatori, tecnologi e collaboratori tecnici ha aderito! La FLC CGIL - aggiunge il dirigente sindacale - sarà in piazza anche questo pomeriggio dalle 15 con le lavoratrici e I lavoratori dell'Istat in presidio a Piazza Vidoni. 

“L'Istat deve rimanere autonomo e indipendente con finanziamenti adeguati ai grandi compiti per i quali sarà chiamato a rispondere, compreso il monitoraggio del PNRR. La funzione informatica come quella della produzione statistica alla quale è strettamente legata, deve rimanere pienamente nel controllo dell'Istituto. Gli attuali vertici, a partire dal presidente Blangiardo, non stanno garantendo l'autonomia dell'Ente, che oggi è difesa da lavoratrici e lavoratori in sciopero La politica e i vertici dell'Istituto si prendano un tempo per riflettere sul progetto 3-I, che evidentemente non convince tecnici, ricercatori e dirigenti dell'Istituto”. Conclude Sinopoli.