FLC CGIL
http://www.flcgil.it/@3821153
Home » Università » Sentenza del TAR del Molise sulla questione del blocco delle assunzioni

Sentenza del TAR del Molise sulla questione del blocco delle assunzioni

Pubblichiamo un'importante sentenza del TAR del Molise sulla questione del blocco delle assunzioni

04/10/2003
Decrease text size Increase  text size

Pubblichiamo un'importante sentenza del TAR del Molise sulla questione del blocco delle assunzioni che, affermandone l'inapplicabilità all'ipotesi di chiamata in prima fascia di un soggetto che sia già professore associato, potrebbe essere un utilissimo precedente, se sarà confermata. I motivi della decisione sono due; per il primo non si tratta di un'assunzione, ma di un passaggio di carriera; per il secondo, l'assunzione in prima fascia, nel caso in esame, non comporta un aggravio di spesa.

Sono gli argomenti che abbiamo per parte nostra già sostenuto in sede di confronto con il MIUR che pure - a voce - ci aveva dato ragione, senza però trarne alcuna conseguenza.

In realtà, se il primo argomento ha portata generale e potrebbe estendersi all'ipotesi del ricercatore che abbia ottenuto l'idoneità ad associato od ordinario, purché chiamato nella stessa sede, il secondo esclude tutte le ipotesi nelle quali un aggravio di spesa, anche di pochi euro, ci sia.

Il ragionamento, comunque, sembra applicabile solo quando la chiamata sia nella stessa sede nella quale già si presta servizio.

______________________________

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Molise

Sezione Unica di Campobasso

ha pronunciato la seguente

SENTENZA

sul ricorso n. 469 del 2003, proposto da Di Giandomenico Giovanni, rappresentato e difeso dall'Avv. Luigi Follieri e dall'Avv. Giuseppe Ruta, presso il cui studio in Campobasso, corso Vittorio Emmanuele n. 23, ha eletto domicilio, contro l'Università degli Studi del Molise, in persona del legale rappresentante p. t., rappresentata e difesa dall'Avvocatura Distrettuale dello Stato, presso la cui sede in Campobasso, via Garibaldi n. 123, è legalmente domiciliata, per l'annullamento della comunicazione pettorale n. 17882-VII/1 del 18.09.2003, con la quale si è espresso diniego alla immissione in ruolo del ricorrente quale professore ordinario nella facoltà di Giurisprudenza;

Visto il ricorso con i relativi allegati;

Visti l'atto di costituzione e la memoria dell'Amministrazione intimata;

Visti gli atti tutti della causa;

Udita, nella Camera di Consiglio del 1° ottobre 2003, la relazione del Primo Referendario Orazio Ciliberti;

Udite, altresì, le parti, come da verbale di Camera di Consiglio;

Ritenuto, in fatto e in diritto, quanto segue.

FATTO E DIRITTO

I - Il ricorrente è professore associato di diritto privato in ruolo dal 1°.11.1985, in servizio presso la facoltà di Giurisprudenza alla Università degli Studi del Molise. A seguito di regolare procedura di valutazione comparativa, ha conseguito la idoneità a professore ordinario per lo stesso settore scientifico disciplinare Ius/01 (diritto privato) nella Università "Parthenope" di Napoli, idoneità approvata con il D.R. n. 167 del 24.3.2003. Conseguentemente, il medesimo ha ottenuto, in data 10.7.2003, la chiamata della facoltà di Giurisprudenza dell'Università degli Studi del Molise nel gruppo disciplinare Ius/01, con affidamento di "Istituzioni di diritto privato", per l'anno accademico 2003/2004. Avendo rivolto, in data 24.8.2003, istanza al Rettore della Università molisana per ottenere il formale decreto di nomina, ha ricevuto però risposta negativa, con nota rettorile n. 17882-VII/1 del 18.9.2003. Insorge, deducendo i seguenti motivi:

1) violazione di legge, violazione dell'art. 34 comma 4° della legge 27.12.2002 n. 289, in relazione all'art. 11 della legge 5.8.1978 n. 468;

2) violazione di legge, art. 34 legge n. 289/02 sotto altro profilo;

3) violazione di legge art. 34 legge n. 289/02 sotto un aspetto ancora ulteriore.

Si costituisce l'Amministrazione intimata, deducendo la infondatezza del ricorso, in quanto il divieto di assunzione di personale a tempo indeterminato nelle pubbliche amministrazioni sarebbe assoluto. Conclude per la reiezione.

Nella Camera di Consiglio del 1° ottobre 2003, fissata per la decisione cautelare, il Collegio, accertata la completezza del contraddittorio e sentite sul punto le parti costituite, decide la definizione del giudizio nel merito , a norma dell'art. 21 comma decimo e dell'art. 26 della legge 6 dicembre 1971 n. 1034.

II - Il ricorso è manifestamente fondato.

III - Il comma quarto dell'art. 34 della legge n. 289 del 2002 ? finanziaria 2003 ? invocato dall'Amministrazione a fondamento del diniego della istanza del ricorrente, stabilisce che <>. Sennonché, l'impugnato provvedimento di diniego non considera che la norma invocata è contenuta non in una legge qualsiasi, ma nella legge finanziaria, vale a dire in uno strumento legislativo che, secondo quanto previsto dall'art. 11 della legge 5 agosto 1978 n. 468, ha lo scopo precipuo ed assorbente di adeguare le entrate e le uscite del cosiddetto settore pubblico allargato agli obiettivi di politica economica. Pertanto, il divieto di nuove assunzioni di cui all'art. 34 quarto comma della finanziaria 2003, avendo lo scopo esclusivo di contenere entro certi limiti la spesa pubblica per le nuove assunzioni nelle PP.AA., va interpretato come divieto di procedere ad assunzioni di personale a tempo indeterminato, se ed in quanto tali assunzioni importino aggravi sulla spesa pubblica. Il divieto della legge finanziaria, pertanto, non mira a comprimere gli organici delle Università, ma soltanto a contenere i costi della spesa pubblica. Nel caso di specie, la nomina del ricorrente nella prima fascia della docenza universitaria comporterebbe non già un aumento del trattamento economico, bensì una diminuzione di circa 3000 euro l'anno, o al massimo un uguale trattamento, in caso di corresponsione dell'assegno ad personam. La nomina che viene denegata, con il provvedimento impugnato, non è una vera e propria assunzione a tempo indeterminato, quanto piuttosto un avanzamento di carriera nell'ambito dello stesso ruolo dei professori universitari, ma quand'anche fosse da considerare quale nuova assunzione, non vi sono ragioni per interpretare la norma del citato art. 34 comma quarto ? come fanno il Ministero dell'Istruzione e la stessa Università resistente ? nel senso di un divieto assoluto di assunzione di personale presso le pubbliche amministrazioni, in quanto la ratio della norma è soltanto quella di impedire gli aggravi di spesa pubblica. Ne consegue che l'Amministrazione resistente non solo può, ma addirittura deve procedere all'assunzione de qua, atteso che essa corrisponde ad un legittimo interesse pretensivo del ricorrente ad ottenere un inquadramento giuridico corrispondente alla idoneità accademica conseguita.

III - In conclusione, il ricorso deve essere accolto. Si ravvisano giustificate ragioni per la compensazione delle spese del giudizio tra le parti.

P.Q.M.

Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Molise, definitivamente pronunciando in Camera di Consiglio sul ricorso in epigrafe, con sentenza succintamente motivata, lo accoglie e, per l'effetto, annulla il provvedimento impugnato.

Compensa tra le parti le spese del giudizio.

Ordina all'Autorità amministrativa di dare esecuzione alla presente sentenza.

Così deciso in Campobasso, presso la sede del T.A.R., nella Camera di Consiglio del 1° ottobre 2003, dal Collegio così composto:

Dott. Calogero Piscitello Presidente

Dott. Antonio Pasca Consigliere

Dott. Orazio Ciliberti Primo Referendario estensore

Tag: tar

Servizi e comunicazioni

Articolo 33, la nostra rivista mensile
Articolo 33, la nostra rivista mensile
Verso il rinnovo del contratto
Verso il rinnovo del contratto
I bandi in Gazzetta Ufficiale
Iscriviti alle nostre mailing list

Partecipa al gruppo di discussione dell'AFAM, invia una email a oltrela508+subscribe@flcgil.it

Partecipa al gruppo di discussione dei Lettori e CEL, invia una email a lettori+subscribe@flcgil.it

Seguici su facebook