FLC CGIL
Iscriviti alla FLC CGIL

http://www.flcgil.it/@3861065
Home » Università » Incontro Organizzazioni della docenza - Consiglio Universitario Nazionale

Incontro Organizzazioni della docenza - Consiglio Universitario Nazionale

Il confronto verte sulle condizioni dell'Università e sui decreti annunciati del MIUR su reclutamento, stato giuridico e governance.

21/04/2009
Decrease text size Increase  text size

Oggi, 21 aprile, le Organizzazioni e Associazioni della docenza universitaria hanno incontrato il Consiglio Universitario Nazionale, rappresentato dal Presidente, dal Vicepresidente e dalla Giunta.

Marco Broccati, della Segreteria Nazionale FLC, ha introdotto l'incontro a nome delle Organizzazioni ed Associazioni, ringraziando il C.U.N per la disponibilità e sottolineando l'apprezzamento per il prezioso lavoro dell'organismo; manifestando le fortissime preoccupazioni per i provvedimenti già assunti dal Governo, che mettono gli Atenei in una condizione di insopportabile carenza di risorse e, dal prossimo anno, in un sostanziale blocco del reclutamento. Forte è la preoccupazione per politiche che tendono visibilmente a smembrare l'idea stessa di sistema unitario nazionale, abbandonando gli Atenei ad un "si salvi chi può" individuale, di fatto consentendo solo ad alcuni di sopravvivere, e costringendoli ad esercizi di fai-da-te organizzativo. In questo quadro lo Stato abbandona a se stessa l'alta formazione, con ciò venendo meno al dettato costituzionale in materia di diritto all'accesso all'istruzione superiore.

I temi al centro dell'incontro sono stati quelli su cui il Governo ha annunciato la prossima presentazione di un disegno di legge: reclutamento dei docenti, stato giuridico e governance. Broccati ha illustrato le posizioni comuni di tutte le Organizzazioni, contenute nel documento "Un Programma per l'Università italiana", e che ripropongono ipotesi molto diverse da quelle contenute in alcune bozze del DdL circolate nei giorni scorsi, segnatamente sulla priorità di politiche ordinarie e straordinarie di reclutamento di giovani e precari, su un modello di reclutamento a regime che cancelli la piaga del precariato e le finzioni dei concorsi, sulla necessità di un ruolo unico della docenza con finanziamento della carriera distinto dal finanziamento del reclutamento, sulle priorità di intervento nel governo degli Atenei, incentrate sull'eliminazione dei meccanismi perversi che regolano l'elezione del Rettore, sulla chiarezza e distinzione di ruoli tra gli organi, sulla valorizzazione e allargamento della rappresentatività degli organi elettivi.

Gli interventi successivi hanno arricchito e completato il panorama dell'introduzione su tutti gli aspetti di dettaglio delle proposte, attraverso interventi e richieste di approfondimento dei componenti del C.U.N. Al termine di due ore di discussione, il Presidente del C.U.N. ha manifestato convergenze sugli aspetti essenziali delle proposte stesse e sui principi fondativi, sollevando a sua volta quesiti di fattibilità su diversi aspetti, e dichiarando l'interesse dell'organismo a lavorare in una logica di confronto tesa a garantire la difesa dell'identità ed unitarietà del sistema pubblico di alta formazione.

L'incontro si è concluso con l'intesa di ulteriori appuntamenti man mano che la presentazione dei provvedimenti nelle prossime settimane renderà disponibili testi normativi sui quali ragionare nel merito.

Roma, 21 aprile 2009