FLC CGIL
Iscriviti alla FLC CGIL

http://www.flcgil.it/@3963004
Home » Università » AFAM » AFAM: firmato dal Ministro per la pubblica amministrazione il decreto sulle dotazioni organiche delle istituzioni da statizzare

AFAM: firmato dal Ministro per la pubblica amministrazione il decreto sulle dotazioni organiche delle istituzioni da statizzare

In attesa del completamento dell’iter procedurale, la FLC CGIL chiede di avviare tutte le operazioni propedeutiche per la stabilizzazione del personale.

13/09/2021
Decrease text size Increase  text size
Vai agli allegati

Il Ministro per la Pubblica Amministrazione, Renato Brunetta, ha firmato il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM) che definisce i criteri per la determinazione delle dotazioni organiche, degli istituti superiori di studi musicali (ISSM, ex istituti musicali pareggiati) e delle accademie di belle arti “storiche” oggetto di statizzazione ai sensi del Decreto Legge 50/17 (art. 22 bis), nonché per il graduale inquadramento nei ruoli dello Stato del personale docente e non docente in servizio. In attesa del completamento della complessa procedura (controfirme del Ministro dell’Economia e Finanza, Franco, e della Ministra dell’Università e della Ricerca, Messa, attese per questi giorni, della registrazione da parte della Corte dei conti e della pubblicazione in Gazzetta ufficiale), la FLC CGIL chiede che il MUR predisponga tutti gli atti propedeutici alla stabilizzazione del personale (definizione delle dotazioni di ciascun istituto, predisposizioni dei bandi per la stabilizzazione, ecc.) da emanare non appena il dpcm entrerà formalmente in vigore.

Per questo salutiamo positivamente la nota ministeriale 12272 del 10 settembre 2021 con la quale il MUR invita le istituzioni oggetto di statizzazione, a prorogare i contratti a tempo determinato stipulati nell’a.a. 2020/21 tenuto conto che “l’immissione nei ruoli dello Stato e la statizzazione dell’ente – con conseguente assunzione degli oneri stipendiali da parte della competente Ragioneria territoriale dello Stato – presuppongono il venir meno di tutti i contratti in essere e la stipula di nuovi contratti di lavoro”. La proroga deve avere come termine la conclusione del processo di statizzazione dell’istituzione. La nota ricorda “che ogni eventuale contratto a termine stipulato in relazione all’anno accademico 2021/2022 contenga una clausola di risoluzione dello stesso alla conclusione del processo di statizzazione dell’istituzione, con espressa sottoscrizione della stessa da parte della/del docente”.

La FLC CGIL chiede a tutte le istituzioni di prorogare non solo i contratti a tempo determinato, ma anche tutti gli incarichi di insegnamento a termine diversamente denominati conferiti nell’a.a. 2020/21.

In conclusione, vi sono tutte le condizioni affinché la statizzazione dei 22 istituti coinvolti si realizzi entro l’anno 2021.