FLC CGIL
http://www.flcgil.it/@3928775
Home » Università » AFAM » AFAM: ancora una volta la legge di stabilità non dà risposte ai precari

AFAM: ancora una volta la legge di stabilità non dà risposte ai precari

Le Organizzazioni sindacali chiedono un incontro al Ministro Giannini.

30/12/2015
Decrease text size Increase text size

L’anno accademico del sistema AFAM è stato garantito anche per il 2015/2016 dagli incarichi a tempo determinato conferiti dalla graduatoria nazionale ex Legge 128/13 e grazie alla proroga delle graduatorie d’istituto che erano in scadenza. E’ chiaro quindi che il comparto è sotto organico e aspetta ormai da troppo tempo soluzioni che devono partire dal riconoscimento del lavoro di tutti quei precari che ne garantiscono il funzionamento da ormai un decennio, ricoprendo con continuità posti dell’ organico vacanti da anni.

Questi docenti precari hanno superato concorsi nazionali per titoli (vedi la nota 3154 del 9 giugno 2011 che integra la precedente nota 1672 del 7 ottobre 2002), in quanto per poter insegnare negli Istituti AFAM è necessario conseguire l’idoneità attraverso un concorso selettivo pubblico per titoli artistici, pubblicazioni, titoli culturali, titoli di servizio, aperto all’intero territorio nazionale ed europeo e valido per un triennio.

Proprio perché questa idoneità era è nazionale, ogni singola istituzione AFAM attinge (secondo quanto stabilito anche dall’ultima nota ministeriale in materia) anche a graduatorie d'idoneità stilate in altre Accademie e Conservatori, per lo stesso settore e per lo stesso insegnamento, per il conferimento incarichi a tempo determinato.

La FLC CGIL, insieme alle altre Organizzazioni Sindacali, intende aprire da gennaio 2016 un fattivo tavolo di confronto con il Ministero, così da arrivare alla stagione del riordino del comparto, partendo dalle azioni di riconoscimento della legge 128 come idonea, al pari della legge 143, per la stabilizzazione di quei docenti precari che peraltro superano abbondantemente i 36 mesi previsti dalla sentenza della Corte di Giustizia Europea.

Preme qui sottolineare che la maggior parte degli aventi diritto alla stabilizzazione, secondo la delibera dell’ Europa, ha in corso  presso i tribunali del lavoro una procedura che nelle sentenze comporta un danno economico per lo Stato. Questo esborso l’Erario lo potrebbe utilizzare per dare certezza alla continuità didattica, fondamentale nello studio delle arti.

La FLC CGIL, insieme alle altre sigle sindacali, ha scritto al Ministro Giannini per chiedere un incontro nel quale discutere le proposte sul superamento del precariato storico e di come ripartire con un sistema di reclutamento che garantisca la qualità dell’offerta pubblica del comparto AFAM.

___________________________

Roma, 30 dicembre 2015

Al Ministro Sen. Stefania Giannini
Alla Sottosegretaria Angela D’Onghia
Al Capo Dipartimento Prof. Marco Mancini
MIUR

Oggetto: Richiesta incontro urgente

Le scriventi Organizzazioni Sindacali, rinnovano alla S.V la richiesta di un incontro urgente sui temi del precariato del comparto AFAM.

La quota di precariato che ormai è mediamente consolidata da circa un decennio su piante organiche certificate nel 1999, a fronte di un aumento dell’utenza che è intorno al 23%, è determinante per la realizzazione dell’attuale offerta formativa delle accademie e dei conservatori.

Senza queste competenze, previste dai nuovi ordinamenti in vigore dal 2010, non sarebbe stato possibile alcun rinnovamento dell’offerta formativa.

Per questa ragione riteniamo che la stagione del riordino del comparto debba partire dalla soluzione del tema del precariato storico. La dotazione organica, censita nel maggio 1999, delle istituzioni statali AFAM è di circa 7000 docenti e 2000 tecnici amministrativi, di cui circa 1500 docenti con incarico a tempo determinato e in servizio su posti liberi e vacanti e circa 2000 docenti con contratti di collaborazione di varia natura. Il precariato dei tecnici amministrativi si attesta intorno alle 250 unità, dotazione comunque insufficiente rispetto alla complessità organizzativa determinata dall’attuazione della Riforma 508/99.

Questi numeri di precariato non consentono una progettualità distesa nel tempo né tanto meno un adeguato investimento professionale necessario per il futuro delle Istituzioni AFAM pubbliche. Concordiamo che una riforma in itinere da 16 anni debba trovare una soluzione definitiva e veloce, a partire dalla stabilizzazione delle piante organiche vigenti.

Le scriventi Organizzazioni Sindacali rinnovano, pertanto, la richiesta di incontro con la S.V, che stante la situazione, sta assumendo sempre più il connotato di urgenza.

In attesa della convocazione richiesta, porgiamo distinti saluti.

FLC CGIL - CISL Federazione Università - UIL RUA - UNAMS

Servizi e comunicazioni

Verso il rinnovo del contratto
Verso il rinnovo del contratto
I bandi in Gazzetta Ufficiale
La nostra rivista mensile
Articolo 33, la nostra rivista mensile
Ora e sempre esperienza!
Iscriviti alle nostre mailing list

Partecipa al gruppo di discussione dell'AFAM, invia una email a oltrela508+subscribe@flcgil.it

Partecipa al gruppo di discussione dei Lettori e CEL, invia una email a lettori+subscribe@flcgil.it

Seguici su facebook