FLC CGIL
Iscriviti alla FLC CGIL

http://www.flcgil.it/@3867363
Home » Scuola » Esperti di “alfabetizzazione motoria” nella primaria: però…!

Esperti di “alfabetizzazione motoria” nella primaria: però…!

Già firmata un’intesa CONI – MIUR, il Progetto Pilota parte febbraio 2010

04/12/2009
Decrease text size Increase  text size

Da quando si è insediato il Ministro Gelmini non ha fatto altro che applicare un’idea precisa: sulla scuola pubblica bisogna tagliare e risparmiare. Fare cassa.

A questo obiettivo ha sacrificato prima di tutto la scuola primaria facendo scempio della collaudata organizzazione modulare e minando una dopo l’altra tutte le condizioni che della primaria hanno fatto la buona scuola che tutti conoscono e riconoscono (ma forse dovremmo parlare al passato).

Il Ministro non s’è fatto scrupolo alcuno di tagliare decine di migliaia di posti in organico (altri tagli sono previsti nei prossimi due anni), di ridurre attività di sostegno e personale ATA, di costringere ad un generalizzato impoverimento dell’offerta formativa, di rinunciare ad attività per gruppi di bambini con difficoltà o con necessità specifiche, come in molti denunciano.

Ed ecco che il MIUR, con un comunicato stampa, ci informa del progetto “L’alfabetizzazione motoria nella scuola primaria”.

Dopo un Progetto Pilota che da febbraio a fine anno scolastico coinvolgerà 1.000 plessi scolastici, a cominciare da settembre 2010 si svilupperà il Progetto Definitivo che coinvolgerà gradualmente tutte le scuole.

E voilà: 2 ore la settimana, per 15 settimane all’anno si farà educazione motoria con un laureato in Scienze Motorie o all’ISEF.

Alcune considerazioni sorgono immediate:

La prima: chi paga? Con quali soldi?
La seconda: l’educazione motoria è attività ordinaria nella scuola primaria, così come previsto dai Programmi del 1985. Quando, da chi e in base a che cosa è stato deciso che i maestri e le maestre non la sanno più insegnare?
Infine: ma il Ministro non vuole imporre il maestro unico?
Che cosa ha in mente? Forse una maestra unica che insegna quattro cosette (il vecchio “leggere, scrivere e far di conto”) e poi esperti vari che si aggiungono, magari pagati dai genitori?

Per non dire che (ancora una volta!) si interviene sulla scuola, sulla sua organizzazione, ruoli e funzioni senza preoccuparsi minimamente di interloquire con chi rappresenta i lavoratori e le ragioni della scuola.

Roma, 4 dicembre 2009

____________________

Ufficio Stampa

“L’alfabetizzazione motoria nella scuola primaria”

Presentato al Miur il nuovo progetto per l’educazione motoria scuola Roma, 2 dicembre 2009 Questa mattina il ministro Mariastella Gelmini, il Presidente del CONI Giovanni Petrucci e il Sottosegretario con delega allo Sport Rocco Crimi hanno presentato il progetto “L’alfabetizzazione motoria nella scuola primaria”.
Il progetto si rivolge agli alunni delle scuole elementari, dal momento che la fascia d’età compresa tra i 6 e i 10 è decisiva per acquisire una buona capacità motoria.

Obiettivi del progetto

  • strutturare per la prima volta in Italia l’educazione motoria sulla base di precise linee guida scientifiche;

  • prevenire i fenomeni di bullismo

    Lo sport, stimolando il senso di squadra e il rispetto reciproco, è uno strumento indispensabile per contrastare i crescenti episodi di disagio giovanile.

Le fasi del progetto

La prima prevede la realizzazione di un Progetto Pilota che partirà dal mese di febbraio e si concluderà al termine dell’anno scolastico in corso. In questa fase saranno coinvolti in tutta Italia 1000 plessi scolastici, per un totale di 10mila classi e 250mila alunni, compresi gli studenti disabili.
Successivamente sarà sviluppato il Progetto Definitivo che dal 2010 al 2013 coinvolgerà gradualmente tutte le scuole. Il Progetto sarà inserito quindi nel Piano di Offerta Formativa delle scuole, dietro approvazione del Collegio Docenti.

L’organizzazione nelle scuole

Insieme agli studenti, gli insegnanti sono i protagonisti principali della nuova iniziativa. Per svolgere al meglio tutte le attività previste, i docenti saranno affiancati da esperti, laureati esclusivamente in Scienze Motorie o all’ISEF. In totale saranno coinvolti 1000 operatori esterni (uno per ogni plesso scolastico).
Tutte le scuole coinvolte nel Progetto Pilota potranno contare dunque sul contributo di un esperto che lavorerà insieme ai docenti curriculari 2 ore a settimana, per 15 settimane, a partire dal 15 settembre 2010.

Monitoraggio delle attività

Il Progetto Pilota sarà monitorato costantemente da esperti, scelti dal Miur e dal CONI, che verificheranno passo a passo le ricadute concrete dell’iniziativa sul benessere degli alunni e l’efficacia didattica del lavoro svolto dagli insegnanti.

Servizi e comunicazioni

Rivista mensile Edizioni Conoscenza
Rivista Articolo 33
Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Ora e sempre esperienza!
Scuola: principali approfondimenti
Mobilità scuola 2018/2019
Testo Unico su salute e sicurezza integrato e aggiornato
Filo diretto sul contratto
Le funzioni nel consiglio di classe
Ricostruzione di carriera
Come si convocano i supplenti
Link utili
Logo MIUR
Logo MEF
Logo NOIPA
Logo INPS
Logo Fondo ESPERO
Logo EBINFOP
Seguici su facebook