FLC CGIL
Iscriviti alla FLC CGIL

http://www.flcgil.it/@3902937
Home » Scuola » Docenti » Infanzia » Scuola dell'infanzia: occorre uscire dall'emergenza

Scuola dell'infanzia: occorre uscire dall'emergenza

La FLC CGIL scrive al Presidente del Consiglio e al Ministro Carrozza.

03/06/2013
Decrease text size Increase  text size

La scuola dell'infanzia che, come è scritto nel testo delle Nuove indicazioni, si rivolge a tutte le bambine e i bambini dai tre ai sei anni di età ed è la risposta al loro diritto all'educazione e alla cura, vive una situazione di vera emergenza.

La sua qualità, riconosciuta in tutto il mondo, sta venendo meno a causa delle politiche di taglio e di immiserimento portate avanti negli ultimi anni. Pian piano, nei fatti, si sta sgretolando il modello pedagogico e organizzativo che supportava e sostanziava la scuola dell'infanzia e contemporaneamente si sta regredendo verso forme e concezioni assistenzialistiche che sembravano superate da decenni.

Occorre un'assunzione di responsabilità da parte di tutti gli attori istituzionali e sociali competenti e coinvolti che sfoci in un'intesa nazionale per dare concretezza al principio che il diritto allo studio comincia a tre anni, per tutti i bambini e le bambine del Paese.

La FLC CGIL ha rappresentato queste istanze in una lettera inviata al Presidente del Consiglio Letta e al Ministro Carrozza.
__________________

Al Presidente del Consiglio dei Ministri Enrico Letta
Al Ministro dell'Istruzione, Università e Ricerca Maria Chiara Carrozza

Signor Presidente del Consiglio, Signora Ministro,

La scuola dell’infanzia è il primo gradino del nostro sistema d’istruzione e contribuisce in modo determinante, con la scuola primaria e secondaria di primo grado, all’elevazione culturale, sociale ed economica del Paese e ne rappresenta un fattore decisivo di sviluppo e di innovazione. Questo affermano le Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo licenziate dal Ministro dell'Istruzione solo qualche mese fa. La stessa Commissione Europea ha ribadito nel 2011 che la scuola dell’infanzia rappresenta la base essenziale per il buon esito dell’apprendimento permanente, dell’integrazione sociale, dello sviluppo personale e della successiva occupabilità.

Il livello di qualità molto alto delle scuole dell'infanzia italiane, divenute modello per gli altri paesi, rischia però di essere messo in discussione dalle politiche messe in atto negli ultimi anni, che di fatto piegano il ruolo e la funzione della scuola dell'infanzia verso un profilo diverso, di tipo assistenzialista, in contraddizione con un trentennio di storia e di risultati e in controtendenza con quanto raccomanda l'Europa.

La FLC CGIL intende sottolineare con forza che la scuola dell'infanzia nel nostro paese sta vivendo una vera e propria emergenza:

  • •perché si è interrotto quel processo di generalizzazione della scuola dell'infanzia statale a partire dal sud
  • •perché nel contempo gli enti locali, in estrema difficoltà per il patto di stabilità e per le minori risorse trasferite dallo Stato, stentano a confermare l'attenzione e i contributi garantiti in precedenza e spesso ricorrono all'esternalizzazione di pezzi dell'offerta formativa
  • perché le famiglie aggredite dalla crisi tendono a tagliare le spese relative alla formazione e infatti stanno aumentando le richieste di far frequentare i figli solo per metà giornata scolastica.

La FLC CGIL ritiene inoltre inaccettabile, per un principio di equità, che vi sia una forte varianza territoriale nella risposta istituzionale al diritto dei bambini e delle bambine di poter frequentare la scuola dell'infanzia. Diritto che la Repubblica ha l'obbligo di garantire a tutti e a ciascuno, su tutto il territorio nazionale.

La FLC CGIL crede sia urgente farsi carico di queste necessità e chiede una risposta pubblica e statale.

Crediamo che sia necessario riprendere il processo di generalizzazione della scuola dell'infanzia e aumentare del 10% il numero di sezioni di scuola statale attualmente funzionanti, vale a dire 2500 sezioni, all'interno di un piano quinquennale che preveda l'apertura di 500 sezioni l'anno.

Crediamo che debba essere istituzionalizzato l'obbligo di frequenza del terzo anno per poi arrivare all'obbligatorietà di tutta la scuola dell'infanzia, secondo l’idea di un percorso di istruzione dai 3 ai 18 anni.

La FLC CGIL inoltre ritiene indispensabile ed urgente dare una risposta concreta agli enti locali e individua, quale strumento finalizzato a tale fine, un’intesa nazionale con tutti gli attori istituzionali interessati e con le parti sociali che possa superare la frammentazione territoriale, mettere in campo sinergie, garantire risorse aggiuntive finalizzate a consolidare ed estendere questo segmento di qualità del nostro sistema di istruzione.

Certo della Vostra attenzione, si porgono distinti saluti.

Il Segretario generale FLC CGIL
Domenico Pantaleo

Servizi e comunicazioni

Il CAAF CGIL ti è vicino
Il CAAF CGIL ti è vicino
Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Ora e sempre esperienza!
Scuola: principali approfondimenti
Mobilità scuola 2018/2019
Testo Unico su salute e sicurezza integrato e aggiornato
Filo diretto sul contratto
Le funzioni nel consiglio di classe
Ricostruzione di carriera
Come si convocano i supplenti
Link utili
Logo MIUR
Logo MEF
Logo NOIPA
Logo INPS
Logo Fondo ESPERO
Logo EBINFOP
Seguici su facebook