FLC CGIL
http://www.flcgil.it/@3867799
Home » Scuola » Como: la FLC CGIL "contrattualizza" 34 lavoratrici della Scuola Paritaria Montessori

Como: la FLC CGIL "contrattualizza" 34 lavoratrici della Scuola Paritaria Montessori

Con la sottoscrizione dell'accordo integrativo aziendale del 24 novembre 2009, sottoscritto dalla FLC Cgil Lombardia, dall'Aninsei Lombardia e dall'Associazione scuola Montessori di Como e approvato all'unanimità dall'assemblea delle lavoratrici e dei lavoratori si è conclusa positivamente una lunga trattativa durata 11 mesi.

18/12/2009
Decrease text size Increase  text size

Dopo ben undici mesi di trattativa FLC Lombardia e FLC Como hanno portato a termine, attraverso un percorso lungo e decisamente tortuoso, la definizione di un Accordo Integrativo Aziendale riguardante tutto il personale in servizio presso l'Associazione Scuola Montessori di Como ove, nell'Asilo Nido, nella Scuola dell'Infanzia e nella Scuola Primaria sono impiegate complessivamente 34 lavoratrici il cui rapporto è disciplinato dal Contratto Collettivo Nazionale ANINSEI.

La complessità e la peculiarità dell'organizzazione lavorativa avrebbero richiesto, di per se, il necessario ricorso all' istituto della contrattazione integrativa di secondo livello come prevista dal CCNL ma la storica totale assenza di qualsiasi attività sindacale aveva di fatto reso inesigibili anche i diritti sindacali fondamentali tanto che, alla primaria necessità di costruzione dell’identità collettiva delle lavoratrici si presentava, altrettanto cogente, l'esigenza di ridefinire un quadro normativo certo ed omogeneo rivolto al superamento della risalente pratica di accordi posti in essere direttamente dal datore di lavoro, per lo più informalmente, con piccoli gruppi di lavoratrici o addirittura a livello individuale.

Tutto ciò, nel tempo, aveva prodotto una stratificazione di disposizioni spesso contraddittorie, talvolta incompatibili, che oltre a rendere difficilmente governabili i rapporti di lavoro aveva di fatto reso ampiamente disapplicato il vigente Contratto Collettivo Nazionale.

L'iniziativa promossa da FLC CGIL ha richiesto oltre alle ordinarie attività sindacali quali assemblee, elezione delle RSA, incontri con il Consiglio di Amministrazione, con i suoi Consulenti, anche la promozione di una procedura propedeutica, con finalità vertenziale eventuale, diretta ad ottenere pronunzia della Commissione Paritetica Regionale ANINSEI che evidenziasse istituzionalmente, quindi super-partes, il carattere extracontrattuale delle "soluzioni" applicate dall' Associazione.

La mancanza di una normativa nazionale sulla rappresentanza sindacale ha reso più difficile la trattativa quando accanto alla naturale e diffidente resistenza del datore di lavoro si sono aggiunte attività dissolventi da parte di altra organizzazione sindacale.

FLC CGIL Lombardia e Como nel rispetto della rigorosa pratica della democrazia di mandato e della preminenza dei rappresentati sui rappresentanti, rafforzate dal consenso che si coagulava attorno al loro operare, hanno insistentemente e con decisione chiesto ed infine ottenuto una trattativa esclusiva.

FLC CGIL da sola si è quindi fatta carico di riconquistare la centralità del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro esigendone l'effettiva applicazione e nel contempo, attraverso l'attenta assunzione delle istanze delle lavoratrici, di tradurre le loro legittime aspettative in una proposta di contrattazione integrativa equilibrata e praticabile che potesse concretamente migliorare le loro condizioni lavorative.

In estrema sintesi si è operato uno scambio tra l'incremento della prestazione lavorativa settimanale, necessaria per completare le particolari attività didattiche sviluppate, con una controprestazione di restituzione più che proporzionale attraverso permessi giornalieri aggiuntivi retribuiti che permettono, sulla base di una formalizzata programmazione annuale, di avere un incremento di ferie aggiuntive oscillante tra 20 e 42 giorni in relazione alle mansioni svolte.

Sono stati inoltre introdotti, con modalità vincolanti, i principi del confronto sindacale, della programmazione preventiva, dell’informazione e cosa più importante la consapevolezza del Diritto Sindacale e del suo doveroso rispetto.

Il contratto integrativo è stato sottoposto in sede di assemblea all’approvazione attraverso il voto a scrutinio segreto delle lavoratrici ricevendone unanime approvazione.

La stessa associazione datoriale ANINSEI Lombardia, intervenuta in assistenza del datore di lavoro, ma anche l'Opera Nazionale Montessori hanno espresso sincero apprezzamento per le modalità e per la qualità del nostro intervento che, nella rigorosa e doverosa distinzione dei ruoli, ha manifestato equilibrio nell'azione sindacale e capacità propositiva risolutiva.

Roma, 18 dicembre 2009

Servizi e comunicazioni

Scuola bene comune
Manifesto per la scuola aperta a tutti e a tutte
Verso il rinnovo del contratto
Verso il rinnovo del contratto
Ora e sempre esperienza!
Scuola: principali approfondimenti
Mobilità scuola 2017/2018
Cantiere scuola FLC CGIL: le nostre proposte
Linee guida contrattazione
Le funzioni nel consiglio di classe
Ricostruzione di carriera
Come si convocano i supplenti
Link utili
Logo MIUR
Logo MEF
Logo NOIPA
Logo INPS
Logo Fondo ESPERO
Logo EBINFOP
Seguici su facebook