FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3947856
Home » Ricerca » ISS: i Sindacati chiedono un incontro alla Ministra della Salute, Giulia Grillo

ISS: i Sindacati chiedono un incontro alla Ministra della Salute, Giulia Grillo

E' necessaria un’operazione di rilancio e consolidamento dell’Ente da realizzare in un quadro complessivo di supporto alla ricerca per la salute.

11/07/2018
Decrease text size Increase  text size

FLC CGIL,  CISL FSUR e UIL SCUOLA RUA, scrivono al neo ministro della Salute, On. Giulia Grillo per avere un incontro sull'Istituto Superiore di Sanità (ISS). Di seguito la richiesta inviata al Ministro.
__________________



Roma, 9 luglio 2018
Prot. n. 216/2018 flcgil FS-stm
Alla Ministra
On. Giulia Grillo
Ministero della Salute

Oggetto: Richiesta incontro su ISS.

Gentilissima Onorevole Ministra,
nell’augurarLe buon lavoro per l’importante incarico ricevuto, FLC CGIL, FIR CISL UIL Scuola RUA, considerando la posizione di rilievo dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS) come organo tecnicoscientifico del Servizio Sanitario Nazionale, chiedono di incontrarLa. Il nostro interesse è che l’ISS, vigilato dal dicastero di cui ha assunto la titolarità, mantenga la pienezza del suo ruolo statutario come strumento del Sistema Sanitario Nazionale e Regionale e come riferimento tecnico-scientifico per la salute pubblica di ciascuna/o cittadina/o. Perché ciò sia attuabile è necessaria un’operazione di rilancio e consolidamento dell’Ente da realizzare in un quadro complessivo di supporto alla ricerca per la salute.

Le nostre Organizzazioni Sindacali, nel sottolineare l’importanza della ricerca pubblica, confidando nella Sua sensibilità su questi temi, tengono a dare rilievo all’importante ruolo svolto dall’ISS come Ente di ricerca nel settore della salute, a garanzia dell’interesse dei cittadini in assenza di lucro e profitto. Il ruolo terzo che l’Ente è chiamato a svolgere per la ricerca in sanità pubblica è da molti anni posto a serio rischio.

L’esiguità del vigente fondo ordinario, conseguente al pluriennale decremento di risorse attuato dai precedenti governi, rischia di nuocere alla qualità della ricerca prodotta in termini di innovazione e trasferibilità, qualità essenziali per svolgere il suo ruolo strumentale per il sistema sanitario e quindi per la salute dei cittadini. Il rischio è che l’apertura di convenzioni con il settore privato non siano riferibili a un quadro di chiaro interesse pubblico. Evitare questo è d’altra parte possibile solo attraverso un finanziamento pubblico adeguato e stabile. Le Sue recenti dichiarazioni a salvaguardia degli obiettivi di salute pubblica, ci rendono fiduciosi che abbia tra i Suoi primi interessi il contributo del nostro Ente nel fornire le evidenze scientifiche utili agli interventi pubblici di prevenzione e di cura che permettano di mantenere e accrescere lo stato di salute del nostro Paese.

Per discutere dei temi suddetti e per condividere con Lei un piano di rilancio dell’ISS, che possa valutare corrispondenza tra compiti dell’Ente e risorse disponibili, anche alla luce della necessaria revisione dello Statuto, secondo quanto previsto nel d.lgs 218/2017, Le chiediamo di poterLa incontrare per rappresentarLe di persona quanto fin qui accennato.

Restando in attesa di un riscontro alla presente, Le inviamo cordiali saluti.

Altre notizie da: