FLC CGIL
Sciopero scuola 30 maggio 2022, cosa chiediamo

http://www.flcgil.it/@3834075
Home » Ricerca » CRA. Lettera al Presidente sul recupero dei contributi previdenziali dei precari

CRA. Lettera al Presidente sul recupero dei contributi previdenziali dei precari

Nell’ambito della campagna nazionale promossa dalla FLC per garantire il pieno recupero dei contributi previdenziali ai lavoratori parasubordinati, è stata inviata una precisa richiesta al Presidente ed al Direttore Generale del CRA

19/04/2007
Decrease text size Increase  text size

Al Presidente
Prof. Romualdo Coviello

Al Direttore generale ff
Dr. ssa Ida Marandola

Oggetto: verifica posizioni contributive dei lavoratori parasubordinati

A seguito di specifiche segnalazioni risulta a questa Organizzazione sindacale che, come già verificatosi in altri EPR, l’amministrazione, anziché versare i contributi previdenziali nella posizione individuale, che il lavoratore apre al momento della stipula del contratto, procede ad un versamento unico ed indistinto in base al quale gli uffici INPS non possono procedere all’attribuzione dei contributi per ogni singola posizione.
Atteso che, dal 1 gennaio 2007 il CRA è inoltre subentrato alla precedente gestione del sistema IRSA, cambiando la soggettività fiscale anche nei rapporti con l’INPS, invitiamo la S.V. a farsi promotrice presso tutti gli uffici amministrativi (ivi compresi gli ex IRSA) della richiesta di verificare che i versamenti contributivi a favore dei lavoratori parasubordinati (collaboratori coordinati e continuativi) siano stati fino ad oggi regolarmente effettuati.
In termini pratici, se confermata tale circostanza comporta che, nel momento in cui si richiedono determinate prestazioni assistenziali (assegno di maternità o l’indennità di malattia), l’INPS non può procedere alle relative erogazioni.
Certi che concorderà con l’urgenza di procedere a questa verifica rimaniamo in attesa di una risposta, comunicando che, come FLC, abbiamo avviato una vertenza nazionale con il fine di tutelare in tutte le sedi opportune questi lavoratori.

Roma, 19 aprile 2007

Altre notizie da: