FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3818193
Home » Ricerca » Comunicato della Segreteria Nazionale sui decreti di riordino

Comunicato della Segreteria Nazionale sui decreti di riordino

Come appreso dagli organi di informazione, venerdì sera il Consiglio dei Ministri ha approvato gli schemi di decreti di riforma del CNR, dell'INAF, dell'ASI.

03/02/2003
Decrease text size Increase  text size

Come appreso dagli organi di informazione, venerdì sera il Consiglio dei Ministri ha approvato gli schemi di decreti di riforma del CNR, dell'INAF, dell'ASI. Il testo dei decreti sarà disponibile da oggi sul nostro sito, e, come si può vedere, non vi sono scostamenti rilevanti tra l'impianto descritto nel corso dell'incontro con il Ministro Moratti, e quanto approvato. Il prossimo passaggio dei decreti sarà l'esame da parte delle Commissioni Parlamentari competenti in seduta bicamerale. Il giudizio di merito sui contenuti dei decreti era stato da noi anticipato con il comunicato del 24 gennaio, anch'esso sul nostro sito. Alla gravità della situazione si aggiunge l'annunciata decisione di procedere al commissariamento del CNR.

E' quindi necessario, oltre a ribadire la nostra contrarietà, sia per il metodo adottato sia per i contenuti del progetto, individuare iniziative di contrasto che ci portino nelle prossime settimane a rendere visibile l'opposizione della Cgil, che coincide in larghissima misura con l'opposizione diffusa manifestata in questi giorni dalla comunità scientifica e dal mondo della cultura. Oltre all'azione tradizionale da esercitare nei confronti del Parlamento, stiamo esaminando l'ipotesi di iniziative pubbliche di protesta a livello nazionale da organizzare come Cgil in raccordo con i vari comitati spontanei, di cui vi informeremo tempestivamente; è utile ed opportuno che si producano iniziative diffuse sul territorio, in raccordo con tali comitati ove esistano, con l'obiettivo di allargare all'intera opinione pubblica la consapevolezza della gravità della situazione, e di coinvolgere parlamentari ed istituzioni locali nella protesta. Vi ricordiamo inoltre che il 21 febbraio si svolgerà lo sciopero nazionale dell'industria, che avrà per motivo centrale il declino industriale, nel quale rientra a pieno titolo la tematica ricerca-innovazione; si tratta di un appuntamento nel quale si può realizzare una saldatura confederale con i temi di categoria, ed è quindi utile, come stiamo facendo a livello nazionale, che i responsabili territoriali ricerchino un coinvolgimento diretto con le Camere del Lavoro ed i Regionali Cgil, sia nella costruzione delle parole d'ordine sul territorio, sia nella partecipazione alle iniziative programmate localmente.

La Segreteria Nazionale CGIL - SNUR

Roma, 3 febbraio 2003