FLC CGIL
Elezioni RSU 2022, candidati con la FLC CGIL

http://www.flcgil.it/@3922117
Home » Notizie dalle Regioni » Toscana » Toscana, Consorzio LaMMA: 24 precari lasciati a casa

Toscana, Consorzio LaMMA: 24 precari lasciati a casa

FLC CGIL Toscana e Rsu: “Si rischia interruzione di pubblico servizio: chi segnalerà gli allerta meteo alla Protezione civile? Proteste in arrivo, situazione incresciosa, ci aspettiamo che Regione e CNR ci convochino”.

17/04/2015
Decrease text size Increase  text size

A cura della FLC CGIL Toscana

Il Consorzio LaMMA è frutto della collaborazione tra la Regione Toscana e il CNR. Attualmente l'Ente è strutturato con 55 unità di personale, 31 stabili e 24 precari. Le 31 unità a tempo indeterminato sono in parte dipendenti del Consorzio LaMMA, in parte ricercatori assegnati dal CNR; gli altri 24 lavoratori dipendono da attività legate a contributi straordinari, derivanti sia da progetti europei che, per la maggior parte, dalla Regione Toscana. Si tratta di personale altamente qualificato che ormai da anni supporta e garantisce il lavoro del Consorzio, anche per il servizio meteo h24 a supporto della Protezione Civile regionale. Tali contratti sono garantiti da fondi erogati dalla Regione al CNR, che stipula ed è titolare dei contratti dei 24 precari.

A pochi giorni dalla scadenza dei contratti, che avverrà il 30 aprile, il CNR comunica all'Ente che, non essendo arrivati i contributi regionali sufficienti a coprire il costo del personale precario, i contratti non potranno essere rinnovati ulteriormente. Quindi, in una situazione paradossale, i servizi operativi ed un’organizzazione pluriennale ampiamente portate ad esempio da entrambi i Soci del Consorzio rischiano di essere improvvisamente interrotti per difficoltà burocratiche e per evidenti incomprensioni tra i due Enti Pubblici.

La Regione ha previsto nel proprio bilancio l'impegno di spesa per il 2015 a favore del Consorzio, ma, essendo in ritardo anche del saldo dovuto per il 2014, il CNR ritiene che non ci siano le garanzie sufficienti per prorogare i contratti. Risultato: 24 lavoratori precari a casa ed interruzione di diversi servizi fondamentali per la regione e la cittadinanza.

Preoccupati, abbiamo chiesto incontro urgente alle due Amministrazioni, Soci del Consorzio, ma per ora non abbiamo ricevuto nessuna risposta (alleghiamo richiesta): permanendo questa situazione, il personale, che già si trova in stato di agitazione, valuterà iniziative di protesta, non ultima quella di chiedere l'intervento del Prefetto, visto il mancato rinnovo dei contratti, per possibile interruzione di pubblico servizio. Ci aspettiamo, pertanto in queste ore una convocazione da parte di Regione e CNR per affrontare insieme questa incresciosa situazione.

Altre notizie da: