FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3940709
Home » Notizie dalle Regioni » Piemonte » Alessandria » Segreterie scolastiche: un’altra scuola chiede di rinviare la scadenza della lavorazione delle domande di supplenza del personale docente

Segreterie scolastiche: un’altra scuola chiede di rinviare la scadenza della lavorazione delle domande di supplenza del personale docente

La lettera del personale amministrativo dell’Istituto Comprensivo Don Milani di Ticineto (AL).

23/06/2017
Decrease text size Increase  text size

Pubblichiamo un estratto della lettera giunta in redazione e indirizzata alla Ministra Valeria Fedeli dal personale amministrativo dell’Istituto Comprensivo Don Milani di Ticineto (AL).

Un’altra scuola che richiede il rinvio della scadenza per la lavorazione delle domande di supplenza del personale docente fissata il 30 giugno. Le segreterie scolastiche, da tempo vittime di tagli agli organici e impossibilitate a sostituire il personale assente, non sono in condizione di adempiere a questa ennesima pratica.

Nella lettera il DSGA e gli assistenti amministrativi denunciano che “con gli attuali organici e l’impossibilità di sostituire il personale assente è già difficile riuscire a svolgere la normale attività amministrativa che, giorno dopo giorno, diventa sempre più complessa” e che non va nemmeno sottovalutato “il problema del SIDI che già in condizioni normali pecca di stabilità”

“Chiediamo rispetto - si legge nella lettera - non solo nei nostri confronti ma anche nei confronti del personale docente precario che ha diritto ad una corretta valutazione delle domande di supplenza”.

La lettera si conclude con l’invito alla Ministra Fedeli e al suo Staff a “girare nelle segreterie scolastiche, anche nei periodi di normale attività” per verificare di persona queste affermazioni e a rinviare la scadenza della lavorazione delle domande di supplenza del personale docente.

La FLC CGIL, insieme agli altri sindacati, è già intervenuta nei confronti del MIUR affinché si renda conto della situazione insostenibile per le segreterie e intervenga con provvedimenti risolutivi.