FLC CGIL
Iscriviti alla FLC CGIL

http://www.flcgil.it/@3958463
Home » Rassegna stampa » Nazionale » Prof e studenti in piazza "Date più soldi alla scuola mancano ancora i banchi"

Prof e studenti in piazza "Date più soldi alla scuola mancano ancora i banchi"

27/09/2020
Decrease text size Increase text size
La Stampa

Flavia Amabile

«L'Italia riparte solo se riparte la scuola», avverte il presidente del Consiglio Giuseppe Conte in un sabato in cui centinaia di insegnanti, genitori e studenti hanno sfidato pioggia e timori di contagio per essere in piazza e denunciare che la scuola, nelle regioni in cui è ripartita, è ancora in grande affanno. Secondo i dati aggiornati a ieri nelle scuole italiane sono state distribuite 204.409.690 mascherine, con una media di quasi 10 milioni di mascherine al giorno. E' una cifra notevole ma andando a vedere quello che accade nelle diverse regioni le differenze sono ancora troppe, a indicare una ripresa a velocità diverse. Si passa dalle 55,1 mascherine a persona distribuite nelle Marche a meno della metà della Basilicata, dalle 676 distribuite per ogni classe dell'Emilia Romagna a meno della metà di Basilicata, Puglia e Sardegna. E comunque anche quando vengono distribuite non sempre si indossano: alle medie e alle superiori il 56% di studentesse e studenti le porta da casa, secondo un sondaggio realizzato da Skuola.net. Sui banchi a rotelle promessi dal governo non esistono dati aggiornati ma ancora dal sondaggio di Skuola.net appare che nelle scuole medie e superiori sono utilizzati dall'1% degli intervistati. Si naviga a vista anche su supplenze e precari con un sistema creato dal ministero dell'Istruzione dove gli errori vanno avanti da settimane rendendo più difficile del solito assegnare i posti. La denuncia è arrivata ieri da tanti precari scesi in piazza a Roma e anche dall'economista Tito Boeri che dialogava con il presidente del Consiglio alfestival dell'Economia di Trento. «Abbiamo digitalizzato tutte le graduatorie ha risposto il premier - Hanno segnalato che ci sono stati dei problemi: è la prima volta che abbiamo digitalizzato e probabilmente sono venuti anche al pettine alcune cose in maniera forse più trasparente. Possiamo parlare di una percentuale di errori ma su milioni e milioni di dati, che ci consentiranno di gestire con trasparenza quelle graduatorie. Ci stiamo lavorando». Il presidente del Consiglio rivendica di aver investito 7 miliardi nella scuola e assicura che la ministra Azzolina si sta impegnando moltissimo. Il segretario del Pd Nicola Zingaretti, invece, annuncia gli Stati Generali della Scuola. E a chi nelle scuole lavora, studia o ha dei figli che ogni giorno la frequentano in queste giornate così difficili, non resta che andare in piazza a protestare. Come è avvenuto ieri a Roma con una manifestazione organizzata dal Comitato Priorità alla scuola con l'adesione di Cgil, Cisl, Uil, Snals, Gilda e Cobas e di comitati di genitori e 80 organizzazioni e associazioni e di studenti e precari. Francesca Ruocco della Flc Cgil ha sintetizzato dal palco alcuni numeri sull'avvio dell'anno scolastico: mezzo milione i banchi consegnati finora su 2 milioni e mezzo ordinati, 215 mila posti vuoti in organico al 1 settembre, 22 mila i docenti assunti a fronte delle 84 mila possibili immissioni in ruolo autorizzate dal Ministero dell'Economia, 2278 posti vuoti di Direttore dei servizi generali e amministrativi, 36.655 aule mancanti per garantire il distanziamento, 548.827 studenti senza una postazione adeguata, molti ragazzi stanno facendo meno di due ore di lezione al giorno. «Siamo qui in piazza - ha detto Margiotta del Comitato priorità alla scuola, - per lamentare l'apertura che non e' stata integrale ma dimezzata. E per chiedere investimenti strutturali e straordinari per la scuola, ovvero il 15% del Recovery Fund ». —