FLC CGIL
http://www.flcgil.it/@3943757
Home » Rassegna stampa » Nazionale » Manovra: Link, insufficienti investimenti per l'università

Manovra: Link, insufficienti investimenti per l'università

La legge di Stabilità «è priva di sufficienti investimenti in istruzione e ricerca, continua a regalare miliardi alle imprese tramite gli sgravi fiscali e conferma la fallimentare misura del bonus 500 euro per i diciottenni».

07/11/2017
Decrease text size Increase text size
Il Sole 24 Ore

La legge di Stabilità «è priva di sufficienti investimenti in istruzione e ricerca, continua a regalare miliardi alle imprese tramite gli sgravi fiscali e conferma la fallimentare misura del bonus 500 euro per i diciottenni». Lo afferma Link-coordinamento universitario annunciando scioperi, assemblee e mobilitazione. «Come avvenuto con il Jobs act gli sgravi fiscali aumenteranno solo il lavoro precario. 10 milioni non bastano per garantire il diritto allo studio alle migliaia di studenti che ogni anno non ottengono la borsa di studio e sono obbligati a spendere centinaia di euro di affitto per la mancanza di posti letto nelle residenze; non si finanzia il Fondo di finanziamento ordinario tagliato di un miliardo nel 2010 e si prevedono solo 1.300 assunzioni quando ne servirebbero almeno 20.000 - afferma
l'associazione studentesca in una nota - per tornare al numero di docenti del 2010 e dare un futuro alle migliaia di precari dell'università e degli enti pubblici di ricerca che, senza alcuna certezza lavorativa, tengono in piedi i corsi di laurea e la ricerca del nostro Paese. Anche per i docenti che hanno scioperato questo settembre il recupero degli scatti stipendiali è previsto solo a partire dal 2020».
L'università pubblica «non è più disposta a farsi prendere in giro» conclude Link ricordando che, dopo aver lanciato una petizione alla ministra Fedeli, gli studenti e i lavoratori in mobilitazione del Politecnico di Torino hanno organizzato per oggi a Torino un'assemblea nazionale «Insieme per il riscatto dell'università pubblica» per definire i prossimi passi della mobilitazione.