FLC CGIL
Elezioni RSU 2022, candidati con la FLC CGIL

http://www.flcgil.it/@3781087
Home » Rassegna stampa » Nazionale » Il Tirreno-Scuola, non si ferma la protesta

Il Tirreno-Scuola, non si ferma la protesta

Il fronte di insegnanti, genitori, circoscrizioni e partiti: assemblea il 9 gennaio per far ripartire la mobilitazione Scuola, non si ferma la protesta "L'incubo Moratti resta, non ba...

30/12/2003
Decrease text size Increase text size
Il Tirreno

Il fronte di insegnanti, genitori, circoscrizioni e partiti: assemblea il 9 gennaio per far ripartire la mobilitazione
Scuola, non si ferma la protesta
"L'incubo Moratti resta, non bastano le promesse sul tempo pieno"


LIVORNO. Non bastano le concessioni fatte a parole dal governo all'Anci, l'associazione dei Comuni, in merito al tempo pieno: per il Coordinamento genitori democratici (Cgd) sono "fuorvianti le rassicurazioni verbali e mediatiche del ministro", resta tutta la preoccupazione per gli effetti che avrebbe comunque l'approvazione del primo decreto applicativo di "questa controriforma che proprio non ci piace". E non solo per l'abolizione di fatto del tempo pieno - precisa il presidente Massimo De Santi - ma "soprattutto perché rispolvera una scuola autoritaria, classista e antidemocratica".
E' per questo che torna alla carica il fronte di lotta che ha dato vita alla manifestazione cittadina del 19 novembre (e che ha raccolto novemila firme consegnate alla prefettura e ai parlamentari locali). Nei giorni scorsi su questi temi si sono riunite le cinque circoscrizioni cittadine, altro appuntamento è stato l'incontro organizzato dal Cgd con genitori e insegnanti del Circolo De Amicis, oltre a rappresentanti di altri circoli e del Coordinamento genitori e insegnanti di Collesalvetti.
E' in programma - annuncia Antonella Menicagli, responsabile scuola dell'unione comunale Ds - una nuova assemblea, prevista per il 9 gennaio alle ore 17 alla Circoscrizione 5. Obiettivo: "Tirare le fila dei vari movimenti spontanei creatisi in città e ancora nel coordinamento cittadino che vede la presenza oltre che delle circoscrizioni, anche di molti partiti politici e sindacati, associazioni come Cgd, Legambiente ed altri. A ciò si aggiunga che i presidenti delle circoscrizioni "si sono inoltre impegnati a richiedere formalmente al Consiglio Comunale di dedicare una seduta interamente al tema scuola e ad indire eventualmente esse stessi un Consiglio congiunto delle cinque circoscrizioni sempre sulle tematiche legate all'istruzione".
Il Cgd intanto lavora alla settimana di mobilitazione indetta a livello nazionale dal 12 al 16 gennaio: in gestazione per il 17 una manifestazione nazionale promossa dai coordinamenti cittadini sorti in questi mesi in tutta l'Italia, tra cui quello livornese per una scuola "pubblica e democratica": il Cgd si augura che per tal giorno i sindacati scuola "valutino seriamente l'opportunità di indire uno sciopero nazionale del settore".


La nostra rivista online

Servizi e comunicazioni

Seguici su facebook
Rivista mensile Edizioni Conoscenza
Rivista Articolo 33
Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Ora e sempre esperienza!
Servizi assicurativi per iscritti e RSU
Servizi assicurativi iscritti FLC CGIL