FLC CGIL
Emergenza Coronavirus: notizie e provvedimenti

http://www.flcgil.it/@3957132
Home » Rassegna stampa » Nazionale » Didattica a distanza promossa (con riserva) dai prof

Didattica a distanza promossa (con riserva) dai prof

I dati provengono dall'indagine online appena conclusa – realizzata da Laboratorio Adolescenza e Istituto di ricerca Iard – su un campione nazionale di 500 insegnanti delle scuole primarie e secondarie.

15/07/2020
Decrease text size Increase text size
Il Sole 24 Ore

Tre mesi di scuola online, necessariamente improvvisati, spesso con strumenti di fortuna e competenze tecniche poco diffuse. Ma alla fine le cose – specie nelle scuole superiori – hanno funzionato abbastanza bene: secondo il 75% degli insegnanti tutti (o quasi tutti) gli studenti sono riusciti a seguire costantemente le lezioni online; il 62% dei docenti è riuscito a portare a termine tutto (o quasi) il programma, e il 56,8% ha considerato la Dad abbastanza efficace in relazione all'apprendimento. Ma difficoltà e problemi ce ne sono stati comunque molti da tenere in considerazione all'avvio (ancora non si sa come) del nuovo anno scolastico. I dati provengono dall'indagine online appena conclusa – realizzata da Laboratorio Adolescenza e Istituto di ricerca Iard – su un campione nazionale di 500 insegnanti delle scuole primarie e secondarie.

I principali risultati dell'indagine
Partiamo da calendario scolastico programmi, partecipazione e compiti “a casa”. Oltre l'80% delle ore svolte (rispetto al normale calendario scolastico) secondo il 36% degli insegnanti; tra il 60 e l'80% per un ulteriore 30% degli insegnanti. Solo il 5,7% dei docenti ha affermato di essere riuscito a svolgere meno del 30% delle ore previste. Il 61% è riuscito a svolgere tutto o quasi tutto il programma previsto, mentre meno del 10% ha lamentato di essere riuscito a svolgerne meno della metà. Circa la partecipazione degli studenti: “tutti o quasi” davanti al computer per il 75% degli insegnanti e meno della metà soltanto per il 5%.
Le difficoltà iniziano con la “produzione di elaborati” da parte degli studenti: secondo il 61% dei prof delle superiori (ma 42,5% dei prof delle medie) tutti, o quasi tutti gli studenti hanno svolto i compiti assegnati.
I risultati variano, però, a seconda del tipo di scuola: sono certamente migliori (rispetto a ore, programmi e compiti svolti, e partecipazione) nelle scuole secondarie di secondo grado (scuole superiori) rispetto alle secondarie di primo grado (scuole medie). Tornano a migliorare leggermente – specialmente la partecipazione – nelle scuole primarie (elementari).

Efficacia, motivazione e soddisfazione
La maggioranza degli insegnanti di tutte le scuole (56,8%) ha complessivamente considerato l'attività scolastica online (in rapporto all'apprendimento) abbastanza efficace. Poco o per nulla efficace, invece, per il 39,6% (43,3% per i prof delle scuole primarie). Ma c'è anche il 3,7% che l'ha considerata “molto efficace”.Decisamente positiva la percezione degli insegnanti sul livello di motivazione da parte degli studenti: il 60% l'ha considerata “buona”, l'11% addirittura “elevata”. “Modesta o nulla” solo per poco più di un quarto degli insegnanti intervistati.

Difficoltà riscontrate
La “lamentela” maggiore (e quasi unanime) degli insegnati (90,4%) è stata di aver lavorato troppo rispetto al normale. Al di là di questo aspetto “sindacale”, tra gli handicap della didattica a distanza al primo posto c'è la mancanza di contatto con gli studenti (che diminuisce con l'aumentare del livello scolastico: 91% scuole elementari 77,6% scuole superiori). A seguire, la difficoltà a ripensare le “verifiche” in un contesto che non poteva garantire che gli studenti non ricevessero aiuti. Poco segnalate le difficoltà ad impratichirsi degli strumenti necessari per svolgere le lezioni a distanza o riguardanti la scarsa funzionalità degli strumenti didattici disponibili. Gli insegnanti delle primarie hanno registrato una maggiore difficoltà, rispetto ai colleghi delle superiori, a ripensare le lezioni in chiave di didattica a distanza (64,1% vs 43,7%).