FLC CGIL
http://www.flcgil.it/@3859553
Home » Pagine Web » Scioperi e manifestazioni » Ricerca: i motivi dello sciopero del 18 marzo

Ricerca: i motivi dello sciopero del 18 marzo

18 marzo 2009, sciopero generale di tutti i settori della conoscenza.

05/03/2009
Decrease text size Increase text size

Il 18 marzo la Ricerca sciopera con l’Università, la Scuola, le Accademie e i Conservatori, la Formazione professionale.

Contro:

  • l’assenza del Governo di fronte a una crisi che aggredisce redditi e occupazione e la mancanza di politiche nei settori della ricerca, dell’innovazione e dello sviluppo in grado di guardare al futuro del Paese

  • il perdurare del congelamento dei finanziamenti agli Enti

  • la compressione del reclutamento, dopo sei anni di blocco delle assunzioni, operata con la reintroduzione dei vincoli sulle piante organiche compiuta con la L. 133/2008 e i reiterati tentativi di bloccare i processi di stabilizzazione avviati con la finanziaria 2007

  • un precariato ormai insopportabile e la mancanza di prospettive per i nostri giovani

  • le risorse risibili destinate al rinnovo del secondo biennio economico del contratto, che darà aumenti pari a metà dell’inflazione, e l’accordo separato sul modello contrattuale, che prevede per sempre un taglio programmato dei salari e cancella contratti nazionali e diritto di sciopero

  • l’aggressione ai dipendenti pubblici, descritti come fannulloni e vessati da norme inaccettabili, a partire dalle discriminazioni introdotte sul trattamento economico in caso di malattia

  • il taglio per decreto legge del salario accessorio (dal 2009, 10% in meno rispetto al 2004) e le norme che elimineranno la contrattazione sulle carriere, riconsegnando al Governo un potere assoluto su professionalità e salario

Per:

  • riportare la conoscenza, a cominciare dalle ricerca pubblica, al centro dell’attenzione anche per uscire dalla crisi, pianificando conseguentemente su base pluriennale la crescita degli investimenti

  • un reale piano straordinario di reclutamento di giovani, oggi impedito da risorse insufficienti e organici congelati

  • cancellare le norme inique sul pubblico impiego e restituire alla contrattazione il governo di carriere e retribuzioni

  • difendere il contratto nazionale e la contrattazione integrativa d’ente, garantendo ai lavoratori contratti e accordi seri e dignitosi

  • difendere il reddito e i diritti dei lavoratori dipendenti e dei pensionati

Il 18 marzo la Ricerca sciopererà nelle prime 4 ore.

Il 4 aprile si svolgerà la grande manifestazione nazionale della Cgil a Roma, per la difesa dei diritti e dei salari.

Partecipiamo tutti, e facciamo partecipare i colleghi, allo sciopero dei settori della conoscenza del 18 marzo e alla manifestazione nazionale del 4 aprile. Non è più tempo di delega: la nostra sola forza siamo noi. Chi oggi si tira indietro, di fronte agli atti gravissimi del Governo, non avrà domani titolo per dolersi della propria condizione.

marzo 2009