FLC CGIL
Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

http://www.flcgil.it/@3840593
Home » Comunicati stampa » Comunicati FLC CGIL » Scuole private: un regalo di altri 51 milioni di euro in arrivo per il 2007

Scuole private: un regalo di altri 51 milioni di euro in arrivo per il 2007

Comunicato stampa di Enrico Panini, Segretario Generale FLC Cgil

02/10/2007
Decrease text size Increase  text size

Comunicato stampa di Enrico Panini, Segretario Generale FLC Cgil

Il Disegno di Legge di assestamento del bilancio dello Stato, attualmente all’esame delle Commissioni parlamentari del Senato, riserva un’ulteriore gradita sorpresa per le scuole private: un incremento del loro finanziamento per il 2007 pari a 51.306.014 euro.

Una consistente somma che si aggiunge ai 100 milioni di euro in più stanziati con la Finanziaria per il 2007 e ad altre risorse che sono state fatte confluire verso la scuola paritaria nel corso del 2007.

La motivazione utilizzata per giustificare questo ulteriore regalo è sorprendente: si tratterebbe di ridare alle scuole private ciò che il Governo Berlusconi avrebbe loro tolto con la Finanziaria 2006 dopo anni nei quali i loro finanziamenti sono sempre stati incrementati.

Si tratta di una motivazione risibile a fronte del fatto che analoga determinazione non vale per la scuola statale.

Infatti, la scuola statale non solo ha registrato alcuni stanziamenti nel corso del 2007 che sono incommensurabilmente minori di quelli assegnati alla scuola privata ma i tagli fatti in cinque anni di Governo Berlusconi sono ben lontani dall’essere anche solo lontanamente recuperati! Come dimostra ampiamente anche la Finanziaria per il 2008.

Siamo di fronte ad una ennesima grave scelta che consolida ulteriormente un indirizzo politico pervasivo mirato a favorire sempre tutto ciò che è privato: fondi crescenti; assenza di controlli sui requisiti delle scuole paritarie; autocertificazione delle condizioni per accedere alle risorse contenute nella Finanziaria 2007; affidamento di funzioni pubbliche fondamentali, quali le attività relative all’apertura pomeridiana delle scuole statali e la gestione dei corsi di recupero; conferma della possibilità di accendere rapporti di lavoro non garantiti oltre i limiti di legge.

Roma, 2 ottobre 2007