FLC CGIL
Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

http://www.flcgil.it/@3828857
Home » Comunicati stampa » Comunicati FLC CGIL » Il ministro parla della missione degli insegnanti, intantole forze politiche della maggioranza li mettono sotto tutela

Il ministro parla della missione degli insegnanti, intantole forze politiche della maggioranza li mettono sotto tutela

Comunicato stampa di Enrico Panini

20/09/2004
Decrease text size Increase  text size

Comunicato stampa di Enrico Panini

Segretario Generale Federazione Lavoratori della Conoscenza

Il Ministro Moratti, durante la cerimonia di apertura del nuovo anno scolastico, ha parlato degli insegnanti come di “missionari che hanno il compito più difficile della nostra società.”:

Nelle stesse ore le forze politiche della maggioranza hanno depositato un Testo Unificato di un Progetto di Legge, che unifica precedenti proposte degli onorevoli Santulli –Forza Italia - e Napoli - Alleanza Nazionale- e la cui discussione inizierà immediatamente in Commissione Cultura della Camera, nel quale si stabilisce:

  • una carriera per i docenti definita per legge ed articolata in tre livelli con passaggi di livello definiti sulla base di un numero programmato;

  • la chiamata diretta da parte delle scuole ai fini delle assunzioni;

  • la sostituzione delle attuali supplenze con contratti di formazione-lavoro;

  • l’istituzione di una Commissione permanente di valutazione dell’attività dei singoli docenti;

  • l’istituzione della vicedirigenza, sovraordinata gerarchicamente alla docenza;

  • l’istituzione di organismi tecnici rappresentativi, in parte elettivi ed in parte designati dalle associazioni professionali, che dovranno definire gli standard professionali dei docenti;

  • l’abolizione delle RSU che rimarrebbero solo per il personale non docente (sic!).

Le forze politiche di maggioranza hanno annunciato che intendono terminare la discussione in Commissione entro Ottobre per poi passare immediatamente all’Aula.

Siamo di fronte ad un attacco diretto e senza precedenti alla nostra Costituzione sia sul versante delle modalità di reclutamento che per quanto riguarda la salvaguardia della libertà di insegnamento.

Si mettono sotto tutela i docenti trasformandoli in funzionari del Governo.

Contemporaneamente, l’intenzione delle forze politiche della maggioranza di regolare i conti con sindacati, che hanno contestato diversi provvedimenti sbagliati, cancellando le più importanti prerogative della contrattazione non sfugge in tutta la sua evidenza.

In barba agli stessi impegni assunti dal Vice Presidente del Consiglio dei Ministri con le Confederazioni.

Insomma, i docenti-missionari di cui ha parlato il Ministro lo sono, nelle intenzioni del Governo, nel senso più antico del termine: spogliati di tutto, anche dei diritti costituzionali!

Roma, 20 settembre 2004