FLC CGIL
Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

http://www.flcgil.it/@3761113
Home » Comunicati stampa » Comunicati FLC CGIL » Finanziaria 2006: una perfida stangata su tanti lavoratori della scuola

Finanziaria 2006: una perfida stangata su tanti lavoratori della scuola

Con un emendamento al D.d.l. della finanziaria 2006 si cancella il diritto al riconoscimento dell’intera anzianità per il personale ATA e ITP transitato dagli Enti locali allo Stato

14/12/2005
Decrease text size Increase  text size

Comunicato stampa di Enrico Panini
Segretario generale della Federazione Lavoratori della Conoscenza Cgil

Ancora una volta questo Governo prende di mira i lavoratori della scuola. Questa volta a farne le spese è il personale ATA e ITP transitato dagli Enti locali allo Stato.

Un emendamento al D.d.l. della finanziaria 2006 (149 quater) cancella il diritto al riconoscimento dell’intera anzianità per 80.000 lavoratori sancito prima da una legge (art. 8 L. 124/99) e ribadito poi da ripetuti pronunciamenti della Corte di Cassazione.

Infatti, se questo emendamento sarà convertito in legge avremo dei lavoratori che, a seguito di una sentenza della cassazione, conservano il diritto ad una retribuzione corretta secondo l’anzianità di servizio maturata, mentre ne avremo altre decine di migliaia che, in attesa di un analogo pronunciamento della cassazione, si vedranno cancellato definitivamente questo diritto subendo una perdita di svariati milioni di euro di retribuzione.

Per esclusiva e colpevole responsabilità del Governo, questi lavoratori per ottenere il diritto ad una giusta retribuzione e contestare una riduzione di circa 1500 euro annui sono stati costretti a un lungo contenzioso in sede giudiziaria che va avanti da cinque anni.

Siamo in presenza di una pesante deriva sul versante della legalità, in questo modo si consuma un vero e proprio sopruso. L’emendamento 149 quater è un provvedimento illegittimo dal punto di vista costituzionale che riduce il salario e crea disparità tra i lavoratori. Ne chiediamo il ritiro e nelle prossime ore insieme a Cisl e Uil daremo voce al nostro forte dissenso.

Roma, 14 dicembre 2005