FLC CGIL
Inchiesta nazionale sul lavoro promossa dalla CGIL

http://www.flcgil.it/@3863975
Home » Comunicati stampa » Comunicati FLC CGIL » Assunzioni insufficienti e ancora nessuna risposta per i precari

Assunzioni insufficienti e ancora nessuna risposta per i precari

Comunicato stampa di Domenico Pantaleo, Segretario generale della Federazione Lavoratori della Conoscenza Cgil.

04/08/2009
Decrease text size Increase  text size

Nell'incontro di oggi 4 agosto, convocato con grave ritardo dal Ministro, abbiamo ribadito in nostro giudizio sull'inadeguatezza del numero di assunzioni in ruolo del personale docente e ata a fronte delle disponibilità di posti vacanti.

Abbiamo sottolineato che questo risultato, seppur insufficiente, è stato raggiunto grazie alle nostre iniziative di protesta fino al sit-in del 15 luglio con le associazioni dei precari.
Purtroppo dobbiamo constatare che sugli interventi a favore dei precari siamo ancora alle comunicazioni verbali e ad ipotesi fumose.
Al momento non è chiaro quali strumenti legislativi il governo intende utilizzare, come saranno definite le normative di accompagnamento ed i tempi che saranno necessari per la loro applicazione.

In mancanza di risposte in tempi rapidi per il personale precario, docente e ata, senza garanzie rispetto alle graduatorie ad esaurimento e alla situazione debitoria delle scuole è chiaro che il prossimo anno scolastico non potrà iniziare in modo regolare.
Abbiamo chiesto con fermezza che tutte le operazioni di immissioni in ruolo e di nomine annuali, siano concluse entro la fine di agosto per dare certezze alla programmazione didattica e per garantire un normale avvio delle attività scolastiche.

Pertanto la FLC Cgil ha ribadito che metterà in campo tutte le iniziative di mobilitazione per costringere il Governo a fornire risposte concrete e rapide per tutti i precari della scuola. in assenza di risposte precise l’inizio dell’anno scolastico sarà contrassegnato da forti tensioni a causa delle politiche di questo Governo che se ne deve assumere tutte le responsabilità.

Roma, 4 agosto 2009