FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3906743
Home » Comunicati stampa » Comunicati FLC CGIL » Approvazione DL 104, Pantaleo: prima inversione di tendenza ma non basta

Approvazione DL 104, Pantaleo: prima inversione di tendenza ma non basta

Comunicato stampa di Domenico Pantaleo, Segretario generale della Federazione Lavoratori della Conoscenza CGIL.

07/11/2013
Decrease text size Increase  text size

L’approvazione del decreto 104 recante “misure in materia di istruzione, università e ricerca” è positivo perché tenta di invertire la tendenza degli ultimi anni al disinvestimento nei comparti della conoscenza in particolare nella scuola, ma è del tutto insufficiente in termini di risorse impegnate. Sono particolarmente apprezzabili gli interventi su:

  • stabilizzazione degli insegnanti di sostegno
  • un nuovo piano pluriennale d’immissione in ruolo per i precari della scuola
  • le nuove norme sul reclutamento dei dirigenti scolastici
  • la parziale soluzione per modificare l’incivile norma sui docenti inidonei
  • gli interventi sull’Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica (Afam)
  • i primi elementi d’implementazione di alternanza scuola-lavoro
  • la definizione con le Regioni dei criteri per il dimensionamento scolastico
  • la proroga dei contratti a tempo determinato per gli INGV e la previsione di 200 assunzioni.

Le tante iniziative di lotta promosse in questi anni dalla FLC e dalla CGIL sono state determinanti per raggiungere questi primi risultati. Riteniamo però inaccettabili le ulteriori incursioni legislative sulla contrattazione in tema di contrasto alla dispersione scolastica e i meccanismi premiali per la ricerca senza stanziamenti di risorse aggiuntive. Dopo i tagli epocali fatti prima dal Governo Berlusconi e poi da quello Monti, ci attendevamo qualcosa di più. Ai comparti della conoscenza serve un piano pluriennale di investimenti su università, scuola e ricerca e Afam per:

  • garantire il diritto allo studio
  • dare stabilità agli organici
  • superare la precarietà
  • potenziare l’offerta formativa nel Mezzogiorno
  • migliorare e qualificare le infrastrutture
  • promuovere un piano di formazione dei docenti e di tutto il personale.

Incomprensibile invece risulta la mancata estensione a tutti gli enti di ricerca della proroga dei contratti a termine come è stato fatto per l’INGV e un vero piano di stabilizzazione dei precari. Al contrario il disastroso decreto sulla pubblica amministrazione (D.L.101/2013) rischia di provocare centinaia di licenziamenti. Inoltre, i recenti provvedimenti del Miur sull’università a partire dai punti organico stanno provocando conseguenze negative sul reclutamento e sull’offerta formativa. Al fine l’impressione è quella di un provvedimento una tantum e non di un cambio strategico nel considerare la conoscenza un investimento per il futuro del Paese.

Per queste ragioni la mobilitazione unitaria continuerà e si intensificherà nei prossimi giorni a cominciare dalla richiesta di soluzioni credibili per i precari della ricerca, per il rinnovo dei contratti nazionali e il pagamento degli scatti di anzianità.